Ultim'ora
il maresicallo Gallo ha condotto le indagini sul caso

Pastorano / Napoli – Non pagano 50mila euro di merce e minacciano il creditore, marito e moglie arrestati

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Pastorano / Napoli – Comprarono, nel 2018, presso la Capas Group  di Pastorano una serie di attrezzature e di arredi per un bar che stavano aprendo. Vaalore della merce circa 50mila euro. Per il pagamento rilasciarono una serie di titoli che però non vennero mai onorati. Quando il titolare della Capas Group andò da loro per tentare di ottenere  il pagamento del credito vantato, l’imprenditore venne minacciato: i soldi non ti li daremo, e qui non ci venire più. Noi appartiamo ad una famiglia malavitosi. Il creditore, allora, tornò a Pastorano, si recò presso la caserma dei carabinieri di Pignataro Maggiore, competenti per territorio, e presentò dettagliata denuncia.  Le successive indagini condotte dai militari dell’arma, guidati dal maresciallo Gallo, hanno portato all’arresto (con il beneficio dei domiciliari) a carico di due coniugi: Luigi Nuvoletto e Angela Paolo, entrambi 40enni e di Marano di Napoli. L’ordinanza, eseguita questa mattina dai carabinieri di Pignataro Maggiore, ha portato anche al sequestro della merce mai pagata.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Riardo – Ferrarelle, incidente sul lavoro: operaio colpito al volto. Indagano i carabinieri

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Riardo – Un grave incidente sul lavoro è avvenuto oggi pomeriggio – intorno alle ore …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.