Ultim'ora

Cancello e Arnone – Investe un cane e lo trascina incastrato nel cofano per tre chilometri, ai vigili dice: non mi ero accorto di nulla

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Cancello e Arnone – Una vettura investe un cane, come se nulla fosse continua la corsa per oltre tre chilometri lungo la via Cappella Reale. Il conducente non s’accorge che l’animale era rimasto incastrato nella calandra (la prosecuzione verticale del cofano anteriore) della vettura. Si ferma solo perché sente un cane abbaiare e lamentarsi. Lo sente ripetutamente come se stesse nel veicolo. Così si ferma, scende, e si rende conto che ha un cane – quello che aveva investito poco prima – incastrato nella calandra. Allerta i vigili urbani di Cancello e Arnone  che intervengono immediatamente. Il luogotenente Maria Marieniello e l’assistente Marco Capezzuto riescono a liberare l’animale che nell’impatto aveva riportato la frattura di una zampa. Gli agenti della municipale allertato il servizio veterinario che provvedono a trasferire l’animale ferito presso un centro di accoglienza. E la storia di quell’animale è davvero triste. Regolarmente registrato, era stato dichiarato morto dal proprietario, probabilmente, si sospetta, per giustificare l’abbandono.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Sparanise – Tentata concussione, sindaco e segretaria comunale davanti al giudice: verso il processo

Tempo di lettura stimato: 2 minuti Sparanise – E’ stata fissata per il prossimo mese di ottobre l’udienza preliminare nella quale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.