Ultim'ora

San Tammaro –  Giovane madre uccisa in casa. Il pubblico ministero: è stato il marito, 25 anni di carcere.

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

San Tammaro – Katia Tondi fu uccisa dal marito, Emilio Lavoretano. E’ la certezza del pubblico ministero della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere che nel corso della sua requisitoria davanti alla Corte d’Assise del tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha chiesto una condanna a 25 anni di carcere per l’imputato (difeso dall’avvocato Natalina Mastellone). Secondo la Procura, Emilio si sarebbe recato dal padre dopo l’omicidio e si sarebbero messi d’accordo su come “coprire il fatto”. Per il pm, che ha coordinato le indagini dopo il rinvenimento del cadavere nell’appartamento da parte dello stesso marito, sarebbe stato Emilio a strangolare la moglie in un momento d’impeto, per poi lasciare la casa, crearsi un alibi (recandosi, lui, al supermercato a fare la spesa, mentre il padre si sarebbe recato a Santa Maria la Fossa dove era insieme alla moglie, così come dimostrato dalla cella agganciata dal suo cellulare quando lo avvertono della tragedia) e poi tornare e dare l’allarme.  L’udienza è stata poi aggiornata a dicembre quando sarà la difesa dell’imputato a prendere la parola. Poi ci sarà la sentenza di primo grado

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Caserta – Incidente sull’Autostrada A1, tre auto coinvolte

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Caserta – Alle ore 13:00 di oggi si è verificato un violento incidente sull’Autostrada A1 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.