Ultim'ora
Arturo Di Marco

Sessa Aurunca – Estorsione camorristica a carico della Cleprin, i giudici: mai avvenuta. Di Marco chiede la revisione del processo

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Sessa Aurunca – Pochi giorni fa, esattamente il 7 novembre 2019, l’avvocato Luigi Iannettone ha presentato alla competente  Corte di Appello di Roma formale richiesta di revisione della sentenza  emessa il  25/09/2007, dal G.I.P presso il Tribunale di Napoli che, su richiesta di patteggiamento, aveva condannato Di Marco Arturo, imputato in concorso con Di Lorenzo Giovanni, per il reato di estorsione aggravata dal metodo mafioso, alla pena di un anno e sei mesi di reclusione con sospensione condizionale della pena.
Ai due, che nell’aprile di quello stesso 2007 erano stati colpiti da ordinanza di custodia cautelare in carcere, veniva contestato, in buona sostanza, di aver tentato di estorcere un posto di lavoro per il DI LORENZO Giovanni,  a  BENEDUCE Franco e PICASCIA Antonio, soci della ditta CLE.PR.IN. Srl, azienda ormai ben nota ai lettori,  e ciò avvalendosi della forza di intimidazione propria dell’associazione camorristica denominata “clan Esposito” o dei “Muzzoni”.
Per la verità  non c’era mai stata – come ammettono gli stessi atti giudiziari – la prospettazione o minaccia di un ingiusto danno, e l’intero impianto accusatorio si fondava sulla circostanza che i due imputati avevano semplicemente rappresentato ai due imprenditori che l’assunzione di Giovanni Di Lorenzo, sarebbe stata per loro “un’assicurazione che non fallisce, meglio della Ras, delle Generali e della Fondiaria”.
Tanto era però era bastato perché Di Marco e Di Lorenzo venissero arrestati e condannati, i loro beni sequestrati prima e confiscati poi, licenziati, la loro vita rovinata. Nel 2011,  dopo quattro anni dal fatto, veniva celebrato il processo al DI LORENZO Giovanni che aveva deciso di farsi processare con rito ordinario, a differenza del DI MARCO Arturo che per una serie di problemi personali aveva, come visto, deciso di patteggiare. In quella circostanza. con un giudizio a dir poco sconcertante il Di Lorenzo venne assolto “perché il fatto non costituisce reato”. Il Tribunale, per intenderci aveva sentenziato che il fatto, non solo non è aggravato dalla matrice mafiosa, non solo non è aggravato da un qualsiasi vincolo associativo, ma, non costituisce neanche reato!!!  La sentenza, impugnata dalla Procura, è stata nello scorso mese di marzo pienamente confermata in secondo grado dalla Corte d’Appello di Napoli.
A questo punto, divenuta la sentenza nel frattempo divenuta definitiva, la richiesta di revisione della sentenza di condanna del DI MARCO, appare più che giustificata  vista la sconcertante e difficilmente spiegabile contraddizione tra le due sentenze  e considerato sussistente il presupposto richiesto dalla legge del “contrasto in giudicato”. Questo senza contare il possibile diverso criterio di valutazione dell’intera sconcertante vicenda giudiziaria alla luce delle recenti vicissitudini che hanno visto e vedono la CLE.PR.IN. ed i due suoi amministratori protagonisti in negativo di continui ed  inquietanti scenari giudiziari.

 

 

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Vairano Patenora – Giovane donna picchiata dal marito scappa di casa, sotto processo per abbandono dei figli

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Vairano Patenora – Una giovane donna – 25enne – fu costretta a scappare di casa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.