Ultim'ora

Gioia Sannitica – Uccise il capo dei ladri per difendere la famiglia, la Cassazione annulla la condanna contro Capozzo

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Gioia Sannitica. Uccise il ladro che si era introdotto nella sua casa e per quei fatti venne condannato in primo grado – per omicidio volontario – mentre in appello la condanna fu riformata in eccesso colposo di legittima difesa. Ora la Cassazione ha annullato la sentenza relativa all’eccesso di legittima difesa, rimettendo gli atti al tribunale della corte di appello di Napoli che dovranno rivalutare tutta la vicenda. Una rivalutazione che dovrà tener conto della nuova legge che regola proprio il diritto alla legittima difesa e quindi la non punibilità del fatto. Soddisfazione, per la decisione dei giudici della Cassazione, è stata espressa dai difensori dell’imputato, gli avvocati Ercole Di Baia e Luigi Iannettone. Sembra avviarsi a una felice soluzione  la vicenda che vede coinvolto Giovanni Capozzo, operaio 50enne di Gioia Sannitica. Capozzo sparò  contro Dashamir Xhepa, 39enne di origine albanese, uccidendolo.

Leggi anche:

Gioia Sannitica – Uccise il capo dei ladri per difendere la sua famiglia, Capozzo condannato a 10 anni. Dovrà risarcire 50mila euro alla vedova del bandito albanese

Gioia Sannitica – Uccise il ladro, l’appello accoglie la tesi del difensore: Operaio condannato a 3 anni e 4 mesi

 

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Alife / Piedimonte Matese – Poliziotto aggredito e picchiato, due fratelli sotto processo

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Alife / Piedimonte Matese – Nulla di fatto, il processo è fermo. Un testimone chiave …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.