Ultim'ora

Castel Volturno – Sigilli alla Senesi, condizioni igienico sanitarie alquanto carenti

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Castel Volturno – Sigilli all’autoparco della Senesi di Castel Volturno, apposti dalla polizia municipale in seguito alle violazioni riscontrate in materia di norme igienico sanitarie carenti nell’area del cantiere. Perdita di liquame dagli automezzi, malfunzionamento degli stessi, inagibilità dei servizi igienici, questi sono solo alcuni degli aspetti negativi che si sono presentati agli occhi della Polizia Municipale. La situazione di disagio è stata segnalata dagli stessi lavoratori, ai vertici della società. Giulio Testore, dirigente sindacale della Fiadel ha così dichiarato: ”date le condizioni inumane ed indecorose del deposito mezzi, il sequestro seppur preventivo è stato inevitabile. I lavoratori stanno vivendo malissimo questa vicenda, anche perché sono mesi che abbiamo sollecitato l’azienda a mettere in sicurezza il cantiere. Un sollecito inutile, inascoltato. Dall’incontro di stamane presso il Comune di Castel Volturno con il sindaco è stato chiesto al Comandante della polizia municipale di effettuare una verifica dello ‘status quo’ del cantiere. Cosa c’era da aspettarsi se non il sequestro in condizioni assurde con camion per la raccolta dei rifiuti che perdono percolato, automezzi che circolano violando il codice della strada, malfunzionanti. Abbiamo fatto di tutto per far sì che la società mettesse a norma gli automezzi e l’intera struttura, fatiscente. Ad oggi non c’è stata nessuna risposta ed è logico che la polizia municipale prendendo atto dell’ignobile stato del cantiere non ha potuto far altro che procedere al sequestro preventivo. Eppure nonostante le innumerevoli note inoltrate e la sottoscrizione di un impegno da parte della Senesi di adeguare i luoghi di lavoro perché non a norma tanto da concordare una cifra forfettaria ai lavoratori per il disagio subito quotidianamente per il mancato utilizzo di mezzi, strutture ed attrezzature necessarie, nulla sia cambiato”. Subito è intervenuto Bernardo Taormina, responsabile territoriale della Senesi, il quale ha rassicurato i lavoratori con un celere interessamento affinché la struttura venga dissequestrata e si provveda all’adeguamento dei luoghi di lavoro e dei mezzi per garantire il corretto è dignitoso operato dei lavoratori.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Bellona –  Picchia la moglie e la minaccia con un cacciavite, arrestato 50enne

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Bellona – In preda ai fumi dell’alcol si è scagliato contro la moglie minacciandola e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.