Ultim'ora

PIEDIMONTE MATESE – Consiglio Regionale, Cappello conferma il suo “no”

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

piedimonte matese.  L’ultima decisione della Corte di Cassazione in merito alla vicenda del comnsigliere regionale Enrico Fabozzi potrebbe aprire, nuovamente, la strada al sindaco Vincenzo Cappello per uno scranno nel consiglio regionale. Una ipotesi che per realizzarsi però dovrebbe versi incastrare una serie di pedine. Non del tutto facile, ma nemmeno impossibile. Ma, il sindaco Vincenzo Cappello preferisce restare al timone del proprio comune, fra la gente che lo ha eletto – con un autentico plebiscito –  circa un anno fa, anziché sedere a Palazzo Santa Lucia.  Non sembvra essere interessato, Cappello, al posto in regione, almenoa queste condizioni.
La legge 267 dell’anno 2000 individua l’incompatibilità fra la carica di sindaco e quella di consigliere regionale; una incompatibilità che Cappello dovrebbe rimuovere dimettendosi dalla carica di sindaco. “Per ora, assicura Cappello, non è mia intenzione abbandonare la mia gente in un momento così difficile per centinaia di famiglie e per l’intera economia dell’area.  Sono sicuramente tentato dalla nuova esperienza a Palazzo Santa Lucia anche perché da circa un ventennio il Matese e tutto l’Alto Casertano non riescono, a causa di forti frammentazioni, a esprimere un consigliere regionale. Però, continua il sindaco di Piedimonte Matese, questo significherebbe lasciare diversi progetti avviati e tanti altri da avviare; significherebbe – conclude Cappello – rompere in parte quel legame che mi lega con il territorio”.
Essere presente sul territorio, avere un forte legame con i cittadini sono per l’amministrazione Cappello cose concrete, concetti attuati da anni soprattutto attraverso le politiche sociali. Lui e la sua giunta, ad esempio, durante gli ultimi sei anni hanno destinato alla cittadina ai piedi del massiccio del Matese, circa 600mila euro. La stessa cosa stanno facendo e faranno per la durata del secondo mandato. Fondi destinati ai meno fortunati, attraverso l’acquisto di libri, medicine, il pagamento di bollette energetiche, buoni pasto e ogni altra forma di aiuto necessaria per rendere più dignitosa l’esistenza di tante famiglie. Il probabile rifiuto, da parte di Capello, dello scranno regionale potrebbe anche rappresentare una forma di protesta contro le scelte del PD che gli hanno impedito di correre per le primarie. Non a caso, Cappello è fra i sindaci che hanno sottoscritto il documento di protesta per le regole di accesso alle parlamentari. Tuttavia, i tempi non sono ancora maturi e non si eslcude che all’ultimo istante Cappello, se dovessero materializzarsi tutte le ipotesi, possa accettare anche di andare a svolgere il comnpito di consigliere regionale.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione senza preavviso. Tutti i contenuti sotto forma di banner sono pubblicità.

Guarda anche

TRAGEDIA DI FERRAGOSTO – Giovane donna travolta e uccisa da un pirata della strada. Indaga la Polizia

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Castel Volturno –  Travolta ed uccisa sul colpo da un pirata della strada, è accaduto …

un commento

  1. sono orgogliosa del nostro sindaco!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

diciannove + 12 =

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.