Ultim'ora

Piedimonte Matese – Il museo perde il Corridore del Cila, Di Lorenzo si arrampica sugli specchi: i documenti parlano chiaramente

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Piedimonte Matese – Il sindaco della città, Luigi Di Lorenzo, ha tentato (attraverso un posto social) di spiegare le ragioni che hanno spinto il museo di Napoli a rivolgersi ai carabinieri del nucleo tutela patrimonio per riavere la statuetta del corridore del Cila, attualmente collocata all’interno del museo civico Marocco del capoluogo matesino. Ha tentato di giustificarsi – Di Lorenzo – mostrando una serie di documenti che si fermano all’anno 2016. Quindi, in sostanza, ammette l’inerzia della sua amministrazione in merito alla vicenda. Ma del resto non è stato difficile, negli ultimi tempi, constatare il  graduale “abbandono” della struttura museale, la graduale carenza di iniziative per la sua valorizzazione e rilancio  della stessa. Anzi, quando si è presentata l’occasione per riceve pubblicità gratis, l’amministrazione comunale ha preferito tenere ben chiuse le porte del Marrocco. Alla fine il museo di Napoli ha interessato i carabinieri per riavere la statuetta che, a Napoli sarà, certamente, più al sicuro.
Ma la speranza è sempre l’ultima a morire. Di Lorenzo potrà sempre chiedere l’intervento dell’assessore Sonia Palmeri, diventata ormai “miracolosa” paladina del territorio matesino, ottima per la soluzione di qualsiasi “problema”. Anche di una semplice carenza organizzativa per una festa paesana.

Guarda anche

Sessa Aurunca – “Gravi criticità strutturali al Ponte sul Garigliano”, la Provincia di Latina ne dispone la chiusura. L’ordinanza

Tempo di lettura stimato: 2 minuti Sessa Aurunca (di Giovanna Cestrone) – Le condizioni strutturali del Ponte sul Garigliano, nei pressi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.