Ultim'ora
foto di rpertorio

TEANO – Ambito, Futura: “un progetto monco di concertazione”

TEANO – Ambito, l’associazione Futura: “un progetto monco di concertazione. “Il percorso del progetto di vita indipendente (composto di azioni di sostegno ai disabili) posto
come unico punto all’ordine del giorno dell’Assemblea dei sindaci dell’Ambito che si terrà oggi
presso il municipio di Teano alle ore 11, ha visto escluso i rappresentanti di tutte le associazioni
e in maniera particolare di quelle dei disabili, completamente escluse dalla fase di
programmazione – afferma l’associazione Futura -. Le strutture dell’Ambito infatti, non hanno programmato nessun incontro
di concertazione, anche se tali incontri sono previsti come buona prassi dalla legge 328 e inoltre
raccomandati da tutte le norme e direttive regionali.
Trattasi dell’ennesimo scivolone dell’attuale gestione dell’Ambito sociale, dopo che per oltre
otto mesi, si sono perpetrate continue violazioni agli obblighi di trasparenza, previsti dalla
legge. Dal sito istituzionale del comune capofila nell’albo pretorio, finalmente, è stato possibile
prendere atto dell’atto di convocazione del Comitato Istituzionale che porta in calce la firma
del vice sindaco Alessandro Pinelli.
Questa associazione, dopo tanta perseveranza nel segnalare puntualmente tutte le
inadempienze finora prodotte sulla trasparenza amministrativa, dopo aver avvistato la
presenza della convocazione all’albo pretorio dell’Ente, avrebbe voluto limitarsi a prendere
atto del cambio di rotta messo in campo che, finalmente, con la pubblicazione dell’atto di si
avviava verso il percorso di trasparenza auspicato.
Però, leggendo l’unico punto all’ordine del giorno, l’Associazione Futura, prima di ogni cosa ha
consultato i rappresentanti di alcune associazioni di disabili, per verificare l’effettivo
coinvolgimento nella fase di concertazione. Purtroppo si è dovuto prendere atto che ciò non è
accaduto e siamo rimasti inorriditi dall’approssimazione con cui si procede a programmare
risorse pubbliche.
Una situazione allucinante, non sono parole dell’associazione Futura ma è quanto ci viene
trasferito da rappresentanti di associazioni molto rappresentative di rilievo anche nazionale. E’
inutile nascondere che è una situazione paradossale quella di non prevedere nessun momento
di concertazione estromettendo tutti gli attori del territorio che rappresentano l’utenza. Il
progetto portato all’attenzione dei sindaci è monco, perché privo della fase di concertazione
con le associazioni disabili e le organizzazioni sindacali ecc. previsto dalle buone prassi in uso
in tutto il territorio nazionale.
Il progetto deriva dal decreto ministeriale emanato 28 dicembre 2018 che prevede uno
stanziamento di 15 milioni di euro. Alla regione Campania è stato destinato un finanziamento
complessivo per 19 progetti con una spesa massima prevista di 100.000 euro a progetto, di cui
solo 80.000 finanziati dalle risorse stanziate dal ministero e 20.000 direttamente da fondi
comunali.
Gli Ambiti Territoriali che sono i destinatari finali del finanziamento, dovranno far pervenire
agli uffici regionali i progetti approvati entro il 15 febbraio 2019. La Regione a sua volta, dopo
aver scelto i 19 progetti finanziabili dovrà inoltrarli al Ministero entro il 28 febbraio 2019 per il
vaglio definitivo e il finanziamento.
L’Ambito ha avuto a disposizione pertanto dal giorno dell’emanazione del decreto, 45 giorni
di tempo per elaborare un progetto conforme sia alle linee guida che alle necessità del proprio
territorio. Dalle buone prassi in uso in ogni ambito questa cosa si ottiene ascoltando tutti i
soggetti del territorio e non escludendoli.
La prima domanda che nasce spontanea da quanto accaduto è: se non sono stati ascoltati gli
attori del territorio che rappresentano i cittadini destinatari del progetto, in base a cosa, è stata
elaborata la proposta progettuale? Il progetto è veramente funzionale agli interessi dei disabili
del nostro territorio o è funzionale ad altri interessi?

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Vairano Patenora – Libertà di stampa e giornalisti minacciati: ennesimo episodio in provincia di Caserta

Vairano Patenora – Questa volta è toccato al direttore della nostra testata, www.paesenews.it, finire nel …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.