Ultim'ora

CASERTA – Prodotti alimentari non sicuri, blitz dei carabinieri forestali: scattano i sequestri

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

CASERTA – In quest’ultima settimana tutti i Reparti dei Carabinieri Forestali operanti nella provincia di Caserta, Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale e le nr. 11 Stazioni Carabinieri Forestali, hanno proceduto ad attività di controllo sui prodotti alimentari destinati al consumo nel periodo natalizio. La diffusa azione di controllo è stata tesa a verificare la tracciabilità dei prodotti alimentari destinati alla vendita ed il rispetto della normativa in materia di etichettatura e di corretta informazione offerta ai consumatori presso gli esercizi di vendita. Le verifiche sono state condotte in numerosi comuni della provincia ed hanno riguardato in particolare i prodotti ittici, i formaggi freschi a pasta filata (mozzarella, fior di latte, provola), prodotti carnei trasformati, nonché il rispetto dei termini di scadenza sui prodotti in vendita preimballati. Numerosi sono stati i casi di irregolarità accertate per le quali i militari hanno provveduto ad elevare 13 sanzioni amministrative, per un totale di 36.550 euro, sottoponendo a sequestro oltre 23 Kg di molluschi bivalve (cozze, vongole e lupini), nel corso di due distinti controlli svolti dai militari della Stazione Carabinieri di Castel Volturno congiuntamente alla locale Guardia Costiera, in quanto erano detenuti irregolarmente aspersi in acqua. Molluschi che sono stati immediatamente reimmessi in natura.

Sono stati, inoltre, sottoposti a sequestro oltre 21 kg. di mozzarella e fior di latte venduti allo stato sfuso in violazione alla normativa in materia di etichettatura, nonché oltre 30 Kg di salsicce e prodotti carnei di origine suina trasformati per assenza di tracciabilità.

Giova ricordare che la vendita dei formaggi freschi a pasta filata allo stato sfuso mediante preincarto è vietata nei punti vendita non annessi ai caseifici di produzione. Quest’ultima irregolarità è molto ricorrente perché la mozzarella venduta nella sua originaria confezione è associata dai consumatori ad un prodotto industriale. Molti operatori commerciali per superare questa erroneo convincimento dei consumatori sono soliti aprire le confezioni contenenti le mozzarelle per venderle allo stato sfuso. Così facendo il prodotto alimentare perde la sua tracciabilità con la conseguenza di non poter essere più posto in commercio in quanto manchevole delle indicazioni obbligatorie in materia di etichettatura che erano presenti sull’originaria confezione applicata nello stabilimento di produzione.

 

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Vairano Patenora – Coronavirus, contagiato bimbo di un asilo: scattala l’isolamento per l’intera classe

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Vairano Patenora – Un bimbo che frequenta un asilo (una struttura privata del paese) è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.