Ultim'ora
Andreas Krebs e la sua vittima Massimo Neiveller

CELLOLE / SANTA MARIA CAPUA VETERE – Benzinaio ucciso, “letale una pugnalata al cuore”

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

CELLOLE / SANTA MARIA CAPUA VETERE – Massimo Neiviller è morto per una coltellata al cuore. Lo ha confermato in aula il chirurgo che lo operò nel dicembre del 2016 all’ospedale Monaldi di Napoli. L’imprenditore, residente a Santa Maria Capua Vetere e titolare di un distributore di benzina sulla Domitiana a Cellole, venne accoltellato, nel corso di una rapina, dall’operaio tedesco Andreas Krebs, oggi imputato nel processo. Il processo è stato rinviato a metà dicembre quando dinanzi ai giudici sfileranno i consulenti che hanno effettuato l’autopsia. Neiviller, i cui familiari si sono costituiti parte civile con l’avvocato Enrico Iascone Maglieri, venne aggredito ed accoltellato da Krebs nel piazzale del suo distributore di benzina. Tre furono i colpi inferti di cui uno, quello appunto al cuore, rivelatosi fatale.

 

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Piedimonte Matese – Sannio Alifano, dalla Regione doccia fredda su Della Rocca: elezione irregolare. Verso il commissariamento

Tempo di lettura stimato: 2 minuti Piedimonte Matese – “…. la presente riscontra la comunicazione prot.321251 del 16.6.2021, con la quale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.