Ultim'ora

Piedimonte Matese / Gioia Sannitica – Raccota rifiuti, il Tar boccia Di Lorenzo. Ecco le ragioni

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Piedimonte Matese / Gioia Sannitica – I giudici del Tar di Napoli hanno bocciato le scelte amministrative attuate dall’apparato guidato dal sindaco Luigi Di Lorenzo. Il Tar ha annullato l’interdittiva – emessa dalla Prefettura – contro la società Termotetti del gruppo di Luigi Imperadore. Annullati anche gli atti emessi dal comune di Piedimonte Matese con cui l’amministrazione comunale guidata da Luigi Di Lorenzo aveva revocato l’affidamento del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti solidi urbani. Annullata anche la penale di 800 mila euro che il municipio aveva applicato contro l’azienda di Gioia Sannitica per conseguenza del provvedimento prefettizio.  “…. In seguito al provvedimento di diniego di rinnovo dell’iscrizione nella white list presso la Prefettura di Caserta, il Comune di Piedimonte Matese ha deciso, con determina n. 88 del 06.02.2018, di recedere unilateralmente dal contratto stipulato con la società ricorrente per la gestione del servizio di igiene urbana. Con ricorso n. 1128/ 2018 la società ricorrente ha impugnato la determina comunale di recesso dal contratto, contestandone la legittimità e chiedendone l’annullamento per i seguenti motivi:
Violazione degli artt. 3, 41 e 97 cost., degli artt. 1 ss. della l. n. 241/ 1990 e s.m.i.. carenza dei presupposti, arbitrarietà, travisamento dei fatti, difetto di istruttoria carente, violazione del dovere di leale collaborazione, erronea applicazione degli artt. 83, 84, 91, 94 del l. lgs. n. 159/ 2011 e s.m.i.;
Violazione del giusto procedimento e del contraddittorio, mancata applicazione artt. 7, 10 e 10 bis della l. n. 241/ 1990 e s.m.i; Con ricorso per motivi aggiunti la società ricorrente ha poi impugnato la determina dirigenziale n. 199 dell’11.04.2018 con la quale il Comune ha stabilito di applicare una penale pari ad euro 838.371,70, quantificata nel 10% del valore complessivo dell’appalto, contestandone la legittimità e chiedendone l’annullamento.

Guarda anche

SESSA AURUNCA – Scandalo milionario, così i carabinieri “scoperchiarono” il caso Italy Village

Tempo di lettura stimato: 3 minuti Sessa Aurunca – L’odierno sequestro della struttura Italy Village – più nota come Villaggio Svedese …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.