Ultim'ora

Piedimonte Matese – Tari non pagata, Di Lorenzo punta l’indice contro i furbi: il comune ha perso 5 milioni di euro

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Piedimonte Matese – Con un video postato sul suo profilo face book, il sindaco di Piedimonte Matese, Luigi Di Lorenzo, ha invogliato i cittadini che da tempo non pagano la tassa sui rifiuti a provvedere al più presto. Solo in tal modo, afferma Di Lorenzo, si potrà evitare l’azione coattiva. La fascia tricolore piedimontese snocciola numeri importanti e assicura che negli ultimi anni il municipio non ha incassato circa 5 milioni di Tari. Di Lorenzo ha spiegato poi che fra i furbi ci sarebbero professionisti, commercianti e persone che potrebbero tranquillamente pagare.   Il sindaco di Piedimonte Matese ha spiegato ai cittadini che se non si paga la Tari le casse restano vuote e non è possibile poi effettuare spese correnti. Ma questo non si può fare. Infatti, i soldi incassati per la Tari non posso esser utilizzati per nessun altro scopo. Servono solo ed esclusivamente  per la gestione e lo smaltimento dei rifiuti.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Caserta / Napoli / Isernia – False assicurazioni e truffe ai danni dei cittadini, l’elenco dei siti utilizzati

Tempo di lettura stimato: 5 minuti Caserta / Napoli / Isernia – Nelle mattina odierna, nella province di Caserta, Napoli e …

6 commenti

  1. Carissimo sindaco questo problema non riguarda solo Piedimonte Matese e con questo non voglio giustificare le persone che non pagano le tasse,ma penso che la maggior parte di essa è impossibilitata a pagare pensa a mettere il piatto di pasta sulla tavola per i propri figli chi ci riesce ci sono persone che campano con poco meno di 500 euro, persone che hanno perso il posto di lavoro, persone che campano con la pensione minima e altre che campano la giornata allora di cosa vogliamo parlare.Lei anziché prendere tecnici e ditte di altri paesi poteva benissimamente prendere persone professioniste del poste ditte del posto che così facendo faceva guadagnare i propri concittadini invece no qui sono tutti incompententi e le ditte sono tutte senza criteri per poter lavorare.Anziche mettere i manifesti bla bla bla pensi a tutto ciò che le ho scritto anziché ora cacciare scuse,lei le scuse deve farle ai cittadini di Piedimonte che sono indegnati di questa ammistrazione,tantissimi saluti sindaco dei non Piedimontesi

  2. Piedimonte è un degrado amministrazione assente faccio un esempio i giardinetti dove una volta portavamo i bambini a via Aldo Moro sono abbandonati,hanno tagliato solo un po’ davanti alle giostrine ,non è per voi amministrare basta con queste chiacchiere

  3. Giovanni santomassimo

    Infatti i soldi della Tari vanno utilizzati esclusivamente per il servizio n.u.

  4. Giovanni santomassimo

    Ma il comune per il servizio n
    U. Ha anticipato 5 milioni di euro ed ora ha bisogno che questi euro rientrino nelle casse comunali per assicurare altri servizi essenziali. Questo intendeva il sindaco di Lorenzo. Questa è solo una precisazione.

  5. il Carissimo SINDACO dei non PIEDIMONTESI farebbe meglio ad investire sulle politiche sociali e quelle giovanili,non si è mai visto un Piedimonte abbandonato e trascurato così,incominciassero loro ad rifiutare le loro ricompense di ammistratori e li devolvessero per le persone bisognose insomma per il bene della comunità.Ah dimenticavo inoltre di far pulire i salesiani c è dell erba alta mezzo metro,ma i nostri bambini hanno diritto di poter usufruire al meglio dei servizi?Vergogna vergogna

  6. Ragioniere la gente ha ragione troppe promesse i Piedimontesi sono stati presi per i fondelli dal sindaco e dalla sua amministrazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.