Ultim'ora

Piedimonte Matese / Vairano Patenora – Truccavano le analisi sulla brucellosi, laboratorio e veterinario nei guai

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Piedimonte Matese / Vairano Patenora – In un  allevamento  bovino  di Vairano  Patenora, si è accertato  che  il  medico veterinario aziendale avrebbe posto in essere un preventivo illecito “monitoraggio” per individuare eventuali capi infetti da brucellosi sottoponendo gli stessi a prelievi ematici e facendo analizzare i campioni,  in violazione alle norme sanitarie disciplinanti la materia, ad un laboratorio di analisi di Piedimonte Matese che aveva nella sua disponibilità un Kit diagnostico, per la diagnosi della brucellosi con  metodologia  S.A.R. (Siero Agglutinazione  Rapida), il cui acquisto, detenzione ed utilizzo è vietato dalla legislazione italiana. Le indagini hanno permesso di accertare che tale Kit diagnostico era stato acquistato in Francia attraverso un intermediario commerciale operante in Perugia.Tale illegale monitoraggio posto in essere sui capì di bestiame dall’azienda di cui sopra ha peraltro evidenziato la presenza di due capi positivi alla brucellosi la cui presenza del focolaio di infezione veniva occultato alle Autorità Sanitarie mettendo a rischio di diffusione una malattia pericolosa per il patrimonio zootecnico  della nazione.  La Procura della Repubblica di S. Maria Capua Vteere ha concluso una rilevante ed articolata indagine le cui attività investigative sono state svolte dal personale dei Carabinieri Forestali facenti capo al Gruppo di Caserta ed alle sue articolazioni territoriali, che hanno permesso di disvelare un illegale sistema per “aggirare”  le profilassi di Stato da parte di due allevamenti zootecnici, nonché  la commissione di diverse truffe e falsità ideologiche in atti pubblici integrate da medici veterinari convenzionati con l’A.S.L. di Caserta al fine di procurarsi ingiusti vantaggi patrimoniali derivanti  da remunerazioni  professionali  per prestazioni  non  rese alla Regione Campania, nonché in materia di sanità animale. In particolare, l’indagine che è stata svolta avvalendosi di attività tecniche di intercettazioni telefoniche, perquisizioni, sequestri e assunzione di sommarie informazioni, che hanno permesso di acce1tare un “sistema” fraudolento posto in essere, con la complicità dei medici veterinari dell’A.S.L., che hanno permesso di prelevare una seconda aliquota dei campioni ematici nel corso delle profilassi di Stato,  in violazione alle leggi disciplinanti la materia, per destinarle a preventive analisi di laboratorio presso strutture diagnostiche private o presso lo stesso laboratorio aziendale, in modo da poter macellare in anticipo  gli eventuali capi positivi alla brucellosi e da occultare la presenza del focolaio infettivo alle analisi ufficiali.
Le indagini hanno permesso di accertare, inoltre, che i predetti medici veterinari convenzionati con l’A.S.L. per l’effettuazione delle profilassi di Stato presso gli allevamenti zootecnici  della provincia  di Caserta ponevano in essere condotte delittuose di falsità ideologiche aggiungendo nei verbali dei campionamenti  colleghi  non  presenti  alle  operazioni  per  consentirgli  di  accedere  alle  remunerazioni professionali previste nella Convenzione stipulata con la Regione Campania, nonché ai rimborsi chilometrici per gli spostamenti con i propri automezzi mai avvenuti.

 

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Piedimonte Matese – Calcio, il Notaresco “sfratta” la FC Matese dai play off. Il monito di Urbano a Rega: la società deve crescere

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Piedimonte Matese – Sconfitta di misura per gli uomini di mister Urbano sul campo del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.