Ultim'ora
francesco Imperadore, Antonio Romano, Angiolo Conte, indagati per lo scempio su palazzo Rainieri

Gioia Sannitica / San Potito Sannitico – Scempio edilizio al palazzo Rainieri, i carabinieri confermano le accuse

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Gioia Sannitica / San Potito Sannitico – Nuovo udienza del processo a carico di sette persone, fra sindaci, amministratori e tecnici, sotto processo per una serie di abusi compiuti – secondo l’accusa della Procura della Repubblica – sull’antico palazzo Rainieri. Sul banco dei testimoni, oggi, i carabinieri che condussero le indagini sul caso. I militari dell’arma hanno confermato, in sostanza, l’impianto accusatorio contro gli imputati. Si tornerà in aula fra qualche mese per ascoltare altroi testimoni. Nella veste di imputati si trova anche il sindaco di San Potito Sannitico, Francesco Imperadore e il tecnico comunale (di San Potito e Gioia Sannitica) Antonio Romano. Con loro sono imputati l’ex sindaco Angiolo Conte;  il responsabile sportello unico per l’edilizia nel comune di San Potito Sannitico, Giuseppe Sisto; Luciano Ricigliano, progettista e direttore dei lavori; Rosario Mario Zoccolillo, titolare dell’Alcas, impresa che stava realizzando l’intervento; Giancarlo Francamacaro, responsabile del procedimento. Nel collegio difnesivo, fra gli altri, gli avvocati Ernesto De Angelis e Giuseppe Stellato.
E’, in pratica, un abuso edilizio commesso dalla macchina amministrativa di San Potito Sannitico che ha devastato – secondo la Procura – un monumento storico, senza alcuna autorizzazione. La questione di Palazzo Rainieri è stata portata alla luce da una dettagliata denuncia secondo la quale sarebbero stati cancellati, fregi e tutte le caratteristiche che rendevano quella struttura un importante punto di riferimento.  I lavori consistevano nel parziale abbattimento e nella contestuale indiscriminata rimozione degli antichi fregi e della torre colombaia che ne caratterizzavano l’originaria architettura. Le indagini hanno consentito di verificare che tali opere edili, finanziate con fondi europei per un importo di circa 2.890.000 euro nell’ambito del progetto di realizzazione di un “Centro Polifunzionale per le attività di sviluppo del territorio” in corso di realizzazione dal parte del Comune di San Potito Sannitico, erano state affidate ad una ditta locale ed avviate in assenza di preventivo esame progettuale e conseguente autorizzazione da parte della Soprintendenza per le Belle Arti ed il Paesaggio di Caserta, atti obbligatori trattandosi di interventi relativi a un edificio storico sottoposto a tutela secondo la normativa vigente. A carico degli indagati viene ipotizzato il concorso nel reato di cui all’art. 169 co.l lettere a) e c) del d.lgs.42/2004 codice dei beni culturali e del paesaggio, cioè la commissione e realizzazione di opere edili senza la necessaria autorizzazione della Soprintendenza per le Belle Arti ed il Paesaggio di Caserta.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Capodrise – Non si risveglia dall’operazione, ragazza 19enne si spegne

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto CAPODRISE – Una ragazza 19enne, Maria Di Sivo, si è spenta. Nelle scorse ore i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.