1

CARINOLA – La Cleprin pronta a riaprire: il Tar da ragione a Beneduce e Picascia

Carinola – La Cleprin è pronta a riaprire. Il comune di Carinola aveva in settimana chiuso l’azienda per alcuni problemi di abusivismo edilizio su una parte dei capannoni che non coinvolgono la Cleprin, ma l’azienda che c’era prima. Questo è quanto deciso dal Tar Campania, che ha accolto prontamente il ricorso presentato dai titolari, Franco Beneduce e Antonio Picascia. Dichiara quest’ultimo: “Anche noi siamo delle vittime, noi imprenditori che abbiamo denunciato il pizzo – Picascia e Beneduce, infatti, hanno più volte denunciato e fatto condannare i camorristi del clan Esposito di Sessa Aurunca – e che dopo questo sacrificio ci ritroviamo a dover combattere con la burocrazia insensibile. Non abbiamo fatto alcun crimine: abbiamo comprato nel settembre 2016, dal tribunale, lo stabilimento dove dove oggi sorge la Cleprin, abbiamo richiesto il condono per un abuso risalente probabilmente a 30 anni fa, così come suggeritoci dalla stessa autorità giudiziaria, essendo stati riaperti i termini; in un paese civile la nostra pratica sarebbe stata chiusa in 18 giorni, invece sono 18 mesi e siamo ancora qua”.