Ultim'ora

PIGNATARO MAGGIORE – Emergenza neve, essenziale il lavoro della protezione civile

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

PIGNATARO MAGGIORE – L’emergenza maltempo è ancora in corso. Grazie  alla macchina dei soccorsi, i disagi per i cittadini sono stati comunque contenuti. I volontari della Protezione Civile, che hanno  un’esperienza ultraventennale, si sono rivelati, ancora una volta, all’altezza del loro ruolo. Occorre attendere almeno  la giornata di domani per un recupero della normalità, con la piena operatività di tutti i servizi essenziali. Oltre  al ghiaccio, che rappresenta un pericolo per i cittadini nelle prossime ore, è necessario  prestare particolare attenzione alle buche lungo le strade, che a causa delle abbondanti nevicate di questi giorni,  si sono trasformate in vere e proprie  voragini. Investire sulla Protezione Civile, dotandola di mezzi e uomini, ancora una volta ha dimostrato che è stata la scelta migliore  per fronteggiare le emergenze. Occorre però sistemare il manto stradale delle vie cittadine, che versa in condizioni disastrose,  per mancanza di manutenzione ordinaria,  straordinaria, e per  la vacanza organica  della figura dello stradino. Per affrontare  le emergenze, le strade sicure sono essenziali. Gli interventi per alzare il livello di sicurezza della viabilità cittadina rappresentano, pertanto, una priorità.

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Sessa Aurunca / Alcamo – Giallo in casa alloggio, donna trovata cadavere: indagano i carabinieri

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Sessa Aurunca / Alcamo –  E’ stata trovata priva di vita, all’interno della sua cameretta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.