Ultim'ora

CASERTA – Disse “no” alla camorra, crivellato di proiettili: i familiari si costituiscono parte civile

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Caserta – Salta, ancora, l’udienza preliminare del processo per l’omicidio dell’imprenditore che disse “no” alla camorra del calcestruzzo. Intanto gli eredi si sono costituiti parte civile. Il rinvio è stato necessario per permettere l’acquisizione delle registrazioni dei verbali di interrogatorio dei pentiti che hanno scoperchiato il mistero. Dopo 25 anni partirà il processo a carico di cinque persone ritenute, responsabili a vario titolo, dell’omicidio di Vincenzo Feola, l’imprenditore del calcestruzzo ucciso – secondo la Procura – per non aver rispettato i piani dei clan che imponevano il prezzo dei materiali. Il prossimo febbraio saranno davanti al giudice per le indagini preliminari di Napoli, Nicola Panaro, Cipriano D’Alessandro, Francesco Bidognetti, Giuseppe Misso, Andrea Cusano, Ettore De Angelis. Secondo la Procura della Repubblica di Napoli sono gli autori dell’omicidio dell’imprenditore edile Vincenzo Feola commesso il 21 ottobre 1992 a Caserta. L’imprenditore edile fu ammazzato nella sua azienda “Appia Calcestruzzi” sul viale Carlo III.

I ruoli:
Francesco Bidognetti e Francesco Schiavone mandanti dell’omicidio;
Nicola Panaro e Michele Iovine (deceduto) esecutori materiali del delitto;
Giuseppe Misso, Oreste Caterino (deceduto) e Dario De Simone fornivano la vettura utilizzata per l’omicidio;
Cipriano D’Alessandro, Andrea Cusano ed Ettore De Angelis ebbero  il compito di supporto al gruppo di fuoco, facendo da apripista per controllare eventuale presenza delle forze dell’ordine e la localizzazione della vittima.

L’indagine è partita nel 2015 dopo le dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, tra i quali Nicola Panaro, Giuseppe Misso e Cipriano D’Alessandro.  Secondo quanto ritenuto dal gip, l’omicidio era stato deciso dai capi dell’epoca del clan, ovvero Francesco Bidognetti e Francesco Schiavone ed eseguito da Nicola Panaro e Andre Cusano. L’imprenditore aveva inteso non aderire al consorzio Cedic Calcestruzzo che in maniera monopolistica gestiva e spartiva gli appalti relativi alla fornitura del cemento in provincia di Caserta. A tale consorzio, ideato da Antonio Bardellino, aderirono tutti i produttori di calcestruzzo casertani, titolari di cave e di impianti di produzione, determinando la gestione del mercato in maniera esclusiva da parte del sodalizio criminale.  Feola, già socio del Consorzio, chiese l’estromissione della propria azienda in quanto non intendeva più aderire alle condizioni economiche dettate dal clan ovvero la corresponsione di una percentuale, pari a 2mila lire per ogni metro cubo di cemento distribuito nell’ambito del normale espletamento dell’attività lavorativa. Feola, secondo quanto ricostruito dalla Dda, venne ucciso per la sua errata convinzione di poter determinare il prezzo del cemento sul mercato a prescindere dalla volontà del Consorzio, e di poter evitare di pagare una percentuale sui lavori che stava effettuando nell’area industriale di Marcianise. Le difese degli imputati sono affidate aglia vvocati Rosaria Gentile, Gabriele Gallo, Sergio Mazzone, Emilio Martino, Civita Di Russo, Raffaella Ria, Rosario Piombino,

image_pdfGenera pdfimage_printStampa articolo

Guarda anche

Capua – Maltrattamenti in famiglia, 2 arresti in 3 giorni: il brutto record di Tarallo

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Capua –  Nuove accuse a carico di Nicola Tarallo, per fatti avvenuti alcuni mesi fa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.