Ultim'ora

ARCE / TEANO – Omicidio Mollicone, Serena fu uccisa in caserma: pesante macigno sul futuro dei Mottola

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

ARCE / TEANO – La giovane Serena Mollicone fu uccisa all’intero della Caserma dei Carabinieri di Arce. La morte fu causata da un violento urto della testa contro la porta di una delle stanze della struttura militare. Quel giorno in Caserma si trovavano quattro persone: il comandante Mottola, suo figlio, sua moglie e il carabinieri Tuzi, morto, successivamente suicida. Serena poteva essere salvata. A finire nel mirino dei carabinieri della Compagnia di Pontecorvo e del Reparto Operativo del comando di Carabinieri di Frosinone , agli ordini del colonnello Fabio Cagnazzo, comandante provinciale sono stati, su disposizione della Procura, l’ex comandante della stazione di Arce, il maresciallo Franco Mottola, il figlio Marco e la moglie Anna. Tutti è tre sono accusati di omicidio volontario ed occultamento di cadavere.
Dopo diciassette anni di altalenanti speranze, Guglielmo Mollicone e sua figlia Consuelo, avranno la contezza di capire in che modo possa essere stata uccisa Serena. La diciottenne di Arce, trovata morta nel giugno del 2001 nel bosco La Cupa di Anitrella, tre giorni dopo la sua misteriosa scomparsa, ha sbattuto con violenza la fronte occipitale sinistra, la tempia per intenderci, contro la porta dell’alloggio in disuso e situato al piano terra della caserma dei Carabinieri di Arce. A fornire un dato certo ed ufficiale è la perizia di oltre 250 pagine che il medico legale Cristina Cattaneo, responsabile dell’Istituto di Medicina Legale di Milano, ha consegnato nelle mani del sostituto procuratore della repubblica di Cassino, Maria Beatrice Siravo. Secondo le indagini, Serena una volta arrivata in caserma – come dichiara all’allora procuratore capo di Cassino, Gianfranco Izzo, l’unico vero testimone di questo giallo, il brigadiere Santino Tuzi ascoltato tre giorni prima di togliersi la vita nell’aprile del 2008 – potrebbe aver incontrato nell’appartamento in disuso uno dei tre indagati e qui potrebbe aver iniziato una discussione che poi è degenerata fino al punto da indurre chi era presente a picchiare la ragazza ed a sferrare un violento colpo alla porta. Un altro dato sconcertante che emerge della perizia della dottoressa Cattaneo è che Serena, non è morta all’istante ma dopo una lenta agonia, soffocata dalla busta di plastica nella quale gli assassino o l’assassino hanno infilato la sua testa. Serena poteva essere salvata. A finire nel mirino dei carabinieri della Compagnia di Pontecorvo e del Reparto Operativo del comando di Carabinieri di Frosinone , agli ordini del colonnello Fabio Cagnazzo, comandante provinciale sono stati, su disposizione della Procura, l’ex comandante della stazione di Arce, il maresciallo Franco Mottola, il figlio Marco e la moglie Anna. Tutti è tre sono accusati di omicidio volontario ed occultamento di cadavere. La Procura, però, prima di chiudere definitivamente le indagini sta aspettando che venga inserito un altro importante tassello: l’indagine sulla morte del brigadiere Santino Tuzi e sulla quale da mesi sta indagando il sostituto procuratore Alfredo Mattei. La riapertura delle due inchieste è stata possibile grazie alla ferrea volontà del procuratore capo Luciano d’Emmanuele e delle famiglie Mollicone e Tuzi.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Teano – Coronavirus, l’Asl ordina 50 tamponi: attesa per i risultati

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto Teano – Dopo l’accertamento della giovane coppia contagiata da coronavirus l’Asl ha predisposto circa 50 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.