Ultim'ora

Cellole – Capecelatro in città per presentare il suo libro “Il sangue non si lava, il clan dei Casalesi raccontato da Domenico Bidognetti”

Cellole (di Giovanna Cestrone) – Domani sera a Cellole, presso l’Auditorium San Marco e San Vito, sarà presentato il libro “Il sangue non si lava, il clan dei Casalesi raccontato da Domenico Bidognetti”. L’Autore del testo, Fabrizio Capecelatro, illustrerà la sua raccolta di testimonianze del pentito Domenico Bidognetti sul clan dei Casalesi, ripercorrendo le dinamiche del traffico illecito di rifiuti e degli altri “affari” in cui il clan stesso era coinvolto. All’evento, organizzato dal Presidente dell’Associazione Nazionale Carabinieri in Congedo di Cellole, Pietro Lissa, interverranno il Questore di Caserta, Antonio Borrelli, il Sostituto Procuratore di Paola, Antonio Lepre, il Procuratore Aggiunto di Benevento, Giovanni Conzo, il Procuratore Aggiunto di Santa Maria Capua Vetere, Antonio D’Amato, il Vicario Episcopale per la Legalità per la Diocesi di Sessa Aurunca, Don Lorenzo Langella, ed il Sindaco di Cellole, Angelo Barretta. Saranno presenti, inoltre, numerosi rappresentanti Istituzionali e delle Forze dell’Ordine. Durante l’incontro, il giornalista Capecelaro racconterà di come, tra le righe del suo libro, uno degli esponenti dei casalesi, ex camorrista, pentito e infine collaboratore di giustizia, parla senza mezzi termini, dei fatti agghiaccianti avvenuti durante le guerre di camorra, dei reati, del giro di affari e degli omicidi brutali a cui il clan ha preso parte per oltre un ventennio di storia criminale italiana.

© Paesenews.it Tutti i diritti sono riservati . Riproduzione vietata di ogni contenuto salvo diversa autorizzazione della redazione del nostro portale. Le pubblicita' sotto forma di banner sono sponsorizzate.
Condividi questo articolo:

    Guarda anche

    Sparanise – Vendette fasciste, un carabiniere salvò Luigia: fu massacrato di botte. La sorella non dimentica

    Stampa ArticoloSparanise – I fascisti (l’ala più dura) insieme ai tedeschi incendiano un’abitazione per vendetta. ...

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Protezione anti-spam Scrivi il numero mancante: Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.