Ultim'ora

ROCCAMONFINA – Fondazione Nicola Amore, il giudice smantella le “fantasie” di Montefusco. Riconosciute di ragioni Petrillo. Ecco l’ordinanza

ROCCAMONFINA – Tutte la azioni messe in campo dall’amministrazione comunale per ottenere il controllo della Fondazione Nicola Amora sono illegittime. Per questa ragione il giudice del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha sospeso l’efficacia di ogni atto, con una motivazione che  anticipa – in sostanza – anche il merito del giudizio stesso. Non ha nessun valore, quindi, la nomina del nuovo Consiglio di amministrazione, non ha nessun valore qualsiasi atto messo in campo dal “governo” di Carlo Montefusco contro Emma Petrillo e il resto del CdA della Fondazione.  Peccato però che gli 11mila euro di spese legali, determinate dall’azione “empatica” del sindaco Montefusco, i cittadini di Roccamonfina dovranno sborsarli, con le loro tasse, certamente. Sarebbe cosa buona e giusta che, ora, Montefusco e il resto della maggioranza e anche Ludovico Feole, coprissero di tasca propria quelle inutili spese per un legale. Soprattutto in considerazione del fatto che anche senza essere esperti di diritto, si capiva che – giuridicamente – la strada intrapresa da Montefusco era sbagliata. Ma, probabilmente, loro seguendo il motto – annunciato anche in quale consiglio comunale – “noi ce ne freghiamo delle regole” sono andati avanti lo stesso. Insomma tutti gli atti che hanno portato alla nomina del nuovo presidente del CdA guidato da Giuseppe Fusco sono stati poco più di una rappresentazione teatrale. Nulla di giuridicamente rilevante. Anche perché – come ribadisce il giudice – si tratta di una fondazione di diritto privato, i cui atti di nomina da parte del sindaco non hanno natura pubblicistica. Determinanti, ai fini della presente ordinanza, sono state le dichiarazioni rese da presidente  Giuseppe Fusco (quello “prefito” dal sindaco Montefusco)  in ordine alle sue azioni per il blocco del conto corrente della stessa Fondazione. Circostanza che ha convinto il giudice ad emettere il provvedimento di sospensione.  Trionfa quindi la linea di Emma Petrillo, assistita dagli avvocati Luigi Ricciardelli e Giancarlo Fumo che con un articolato ricorso sono riusciti a far valere le ragioni della Fondazione. Intanto i cittadini di Roccamonfina ora hannop una certezza: agli oltre 800mila euro di debiti fuori bilancio vanno oggi sommati gli otre 11mila euro spesida Montefusco per un’azione che non aveva alcuna base giuridica.

 

© Paesenews.it Tutti i diritti sono riservati . Riproduzione vietata di ogni contenuto salvo diversa autorizzazione della redazione del nostro portale. Le pubblicita' sotto forma di banner sono sponsorizzate.
Condividi questo articolo:

    Guarda anche

    Sessa Aurunca – Manifestazione pacifica degli operai avventizi del CAB: nuovo appello a De Luca

    Sessa Aurunca (di Giovanna Cestrone) – Manifestazione pacifica da questa mattina sotto gli uffici del …

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

    Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoroSiamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.