Ultim'ora

Fare trading sul web: una guida completa per gli utenti

(di Alessandro Staffiero) Parrebbe essere una moda, più che un atteggiamento ponderato e ragionato. Sembra strano ma anche il mondo degli investimenti procede su questi binari: quando un qualcosa diventa virale, ci si avvicinano in molto. Assume credibilità agli occhi dei consumatori. Soprattutto se c’è di mezzo la rete, vista ormai come un partner affidabile anche se poi noi fatti non è sempre vero.
Con queste premesse si può spiegare il boom del trading online degli ultimi anni: un concetto importato dagli Stati Uniti, dove è di moda già da tempo, e che recentemente è arrivato a toccare anche i lidi nostrani. Di cosa si sta parlando? Essendo un investimento, quindi un settore delicato in quanto di mezzo ci sono i soldi, è bene conoscere il tema prima di approcciarlo. Può quindi essere utile consultare una guida completa al trading online per capire cos’è e di cosa si parla. Il concetto base è quello di andare a investire sfruttando la rete e le sue potenzialità: in sostanza si può, tramite internet, accedere ai mercati principali bypassando così gli intermediari tradizionali. Un approccio più semplice e veloce, che ha contribuito ad accrescere di molto la platea di trader sulla rete. In inglese la parola ‘trading’ significa scambio, transazione, e va quindi e delineare una trattativa commerciale: nel linguaggio degli investimenti indica ogni compravendita di prodotti finanziari, che siano azioni, titolo vari, prodotti derivati. O strumenti appositamente nati in seno al trading online, come il Forex ad esempio. L’opportunità di investire da soli tramite un pc, naturale evoluzione degli investimenti tradizionali, ha avvicinato l’universo della finanza agli utenti reali; un mondo un tempo visto come inaccessibile e oggi, invece, raggiungibile con un click. Per poter fruire di queste opportunità è fondamentale avere le chiavi giuste d’accesso: che tradotto nel linguaggio del TOL (trading on line) vuol dire aprire un account presso una piattaforma online che offra la possibilità di accedere al mercato del web. Con oneri e onori. Perché, e qui si apre una nota dolente, il trading online non è un gioco; i tanti trader principianti che si avvicinano allo strumento rischiano di rimanere scottati proprio perché ne vedono l’aspetto più semplicistico, quasi ludico. Quando in realtà per avere successo nel trading, e per successo si intende guadagno, è fondamentale la preparazione tecnica; quindi studio e acquisizione di competenze tecniche apposite. Il che ancora non è sinonimo di guadagno, ma comunque va a garantire un approccio un po’ più sicuro e consapevole al trading. Dal punto di vista della sicurezza diventa fondamentale anche la scelta della piattaforma, visto che i nostri soldi transiteranno tramite questa: in Italia la Consob indica quelle che sono a norma, nel senso che seguono la normativa vigente. Attenersi a queste indicazioni è la base minima di partenza per iniziare a investire nel trading.

.

© Paesenews.it Tutti i diritti sono riservati . Riproduzione vietata di ogni contenuto salvo diversa autorizzazione della redazione del nostro portale. Le pubblicita' sotto forma di banner sono sponsorizzate.
Condividi questo articolo:

    Guarda anche

    LA POVERTA’ – L’Italia è il Paese con più poveri d’Europa: oltre 10 milioni di persone “in stato di deprivazione”. Peggio anche della Romania

    Stampa ArticoloAltro  che ripresa, altro che luce in fondo al tunnel, altro che proclami. La ...

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Protezione anti-spam Digita il numero che vedi: Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.