Ultim'ora
Michele Pontecorvo, osserva il cantiere sequestrato

RIARDO – Scempio all’Oasi Ferrarelle, scatta anche l’indagine della Procura di Salerno

Michele Pontecorvo, osserva il cantiere sequestrato

RIARDO –  Scempio nell’oasi Ferrarelle e violazione delle norme ambientali.  Sperpero di denaro pubblico e illecito arricchimento. Potrebbero essere queste le ragioni per cui la Procura della Repubblica di Salerno ha aperto un fascicolo di indagini sull’Oasi Ferrarelle di Riardo.  Il sostituto procuratore dottor Roberto Penna ha delegato le indagini al Corpo Forestale dello Stato per verificare l’esistenza, o meno, di reato nell’azione del colosso dell’acqua minerale. Le indagini, che sono state affidate al Comando di Stato del Corpo Forestale dello Stato di Foce Sele, diretto dal comandante Marta Santoro, sono state avviate dopo gli articoli pubblicati tra il maggio e giugno scorso sulla Gazzetta di Caserta e che facevano riferimenti, con tanto di immagini scattate sul luogo, dei lavori che erano stati avviati nell’Oasi della Ferrarelle a Riardo. Il colosso delle acque minerali estratte  a Riardo dove l’azienda proprio nei mesi scorsi ha realizzato altri diversi pozzi raggiungendo profondità notevoli nel cuore della terra, aveva presentato una denucnia contro il giornalista  e contro la testata perchè si riteneva danneggiata da quanto scritto. Articoli dettati unicamente dal diritto di cronaca sancito dalla Costituzione italana. La denuncia di Ferrarrele contro il giornalista sembra aver prodotto l’effetto contrario, tanto che ora la Procura di Salerno indaga sui comportamenti e sulle azioni messe in campo dalla stessa Ferrarrelle nella gestione dell’Oasi sulla quale la Provincia, alcuni anni fa, attuò anche il divieto di caccia.

IL SEQUESTRO  –  Lo scorso maggio le rusep entrano in azione nell’oasi Ferrarelle. Tutto in violazione delle norme che proteggono i boschi. Arrivano i carabinieri sequestrano il cantiere e denunciano cinque persone, coinvolte, a vario titolo, nella vicenda. I carabinieri della stazione di Pietramelara – competenti per territorio – hanno denunciato Carlo Pontecorvo in qualità di titolare del fondo; Michele Pontecorvo, in qualità di conduttore del sito; l’architetto Gabriella Frulio, direttrice dei lavori; l’ingegnere Sabina Piras, responsabile delal sicurezza; Marco Cascella, titolare della Lande sr,  la ditta esecutrice dei lavori. Secondo gli inquirenti, le cinque persone coinvolte nei fatti, si sarebbero rese responsabili – a vario titolo – di violazioni delle norme che regolano la sicurezza sui cantieri e suoi luoghi di lavoro. Inoltre i carabinieri guidati dal maresciallo Pasquale Mariano, hanno contestato l’accusa di violazione dell’articolo 142 del codice penale per violazione di norme ambientali avendo eseguiti lavori in un bosco senza l’autorizzazione della Soprintendenza.Inoltre, le forze dell’ordine accusano i cinque denunciati di aver violato l’articolo 734 del codice penale, ossia per distruzione o deturpamento di bellezze naturali.  Tutto prende avvio quando per realizzare un condotto fognario le ruspe entrano in una vasta area boscata, realizzata dalla comunità Montana del Montemaggiore fra il 2006 e il 2007.
Il successivo sopralluogo dei carabinieri ha accertato, sul cantiere, l’assoluta assenza delle norme di sicurezza e la violazione delle norme sui vincoli boschivi. Per queste ragioni sono scattati i sigilli al sito con il successivo blocco dei lavori. Secondo alcune indiscrezioni la Ferrarelle, per “non perdere tempo” con le autorizzazioni, avrebbe presentato, in comune, una semplice Dia  dove venne indicato un tracciato diverso da quello effettivamente realizzato. Il tracciato indicato nella Dia non prevedeva l’invasione del bosco che invece è stato poi squarciato dalle ruspe.  Se si considera che l’attività finita sotto sequestro si innesta in un progetto comune Fai – Ferrarelle allora diventa sconfortante constatare che anche un importante ente come Fai e una grande azienda come Ferrarelle preferiscono i “trucchetti” per aggirare qualche regola.

i mezzi meccanici per radere al suolo siepi e polmoni verdi realizzati dalla comunità montana del montemaggiore

GLI ULTIMI INTERROGATORI – Gli uomini del Corpo Forestale dello Stato, guidati dal comandate Marta Santoro, vogliono vederci chiaro nell’intera vicenda. Le ipotesi di reato e le violazioni dovranno essere accertate senza ombre di dubbio. Per queste ragioni già da alcuni giorni gli inquirenti salernitani si sono trasferiti stabilmente in T erra di Lavoro dove stanno ascoltando tutti le persone a conoscenza dei fatti. Tutto nero su bianco. Finora, sembrano essere arrivate tante conferme a quanto scritto nei mesi scorsi sullos cempio in atto nell’Oasi Ferrarelle di Riardo.  Uno scempio che è continuato sistematicamente fino a pochi giorni fa, quando i trattori hanno azzerato le macchie di querce e lecci piantate con cura dagli uomini della comunità montana del Montemaggiore, in circa tre anni di lavoro. Soldi pubblici buttati al vento. Spesso nelle grandi aziende la mano destra non sa cosa fa la sinistra.  Quello che potrebbe configurarsi è un autentico arricchimento illecito ottenuto dall’azienda del gruppo guidato da Carlo Pontecorvo che ha ricevuto, per anni, gli interventi attuati dalla comunità montana del Montemaggiore, senza tuttavia dare nulla in cambio. Appare infatti impensabile che un ente pubblico attui degli interventi così costosi e prolungati su un suolo privato senza che lo stesso venga sottoposto ad alcun vincolo in favore della collettvità. Sembra essere esattemente ciò che è successo nell’oasi Ferrarelle dove l’imprenditore avrebbe ottenuto una serie di favori da parte dell’ente pubblico – Comunità Montana del Montemaggiore – per riprendere poi, quando ha ritenuto opportuno, il controllo della zona, trasformandola in qualcosa più simile ad un campo da golf che ad un’oasi naturale

gianni del monte

©Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Sessa Aurunca – Controlli dei Carabinieri nei negozi di Baia, scattano sanzioni amministrative

Sessa Aurunca – Controlli a tappeto da parte dei Carabinieri di Baia Domizia e del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.