Ultim'ora

Trentola Ducenta – Abusa di una bimba di 10 anni, prete arrestato

Trentola Ducenta – Abusa di una bimba di 10 anni, prete arrestato. Don Michele Mottola è finito in carcere. La Diocesi lo aveva già sospeso ed aveva presentato la denuncia. Svolta nelle indagini sul sacerdote don Michele Mottola, accusato di aver abusato di una bambina di 10 anni. Dopo la sospensione da parte della Diocesi di Aversa avvenuta nello scorso mese di maggio, pochi giorni fa anche Le Iene si sono interessate della vicenda, ascoltando genitori ed amici della bambina e mandando in onda anche degli audio che la piccola aveva registrato per incastrare quell’uomo con la tunica che aveva abusato sessualmente di lei. “Le attività investigative – si legge nella nota a firma del procuratore Francesco Greco – erano iniziate a seguito di comunicazione pervenuta dalla Diocesi di Aversa e svolte attraverso l’ausilio di testimonianze, messaggi e registrazioni audio, che hanno consentito di raccogliere un grave quadro indiziario, confermato dalla vittima in sede di incidente probatorio, nei confronti dell’indagato ritenuto responsabile di abusi nei confronti della minorenne che, all’epoca dei fatti, partecipava assiduamente alle attività della parrocchia”.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Piedimonte Matese – Olimpiadi di informatica, prima partecipazione per gli alunni dell’ISISS Piedimonte Matese

Piedimonte Matese – Sono quattro prove… nelle quali bisogna svolgere esercizi di logica e di programmazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.