Ultim'ora

Riardo – La scalata al Castello, in memoria di Giuseppe

Riardo – Domani, 21 luglio 2019, si corre l’undicesima StraRiardo, in memoria di Giuseppe Abbatiello, su un percorso, ondulato con paesaggi stupendi tutti da gustare, completamente chiuso al traffico di 4,5 km per due volte. La manifestazione si svolgerà su un circuito di nove  km attraverso le strade del borgo medievale del castello di Riardo, completamente chiuso al traffico. Il rilevamento dei tempi è a mezzo chip. Il percorso sarà presidiato dal corpo dei vigili urbani, dal nucleo comunale della protezione civile e dall’organizzazione di gara. Possono partecipare alla manifestazione tutti gli atleti appartenenti a società ed enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI, in regola con il tesseramento 2019 e con le norme a di tutela sanitaria delle attività sportive agonistiche. I pettorali si potranno ritirare presso Villetta Comunale, Via San Leonardo, dove è prevista la partenza e l’arrivo. Il pacco gara è garantito a tutti gli iscritti. Giuseppe Abbatiello morì mentre correva insieme ad un suo amico. Giuseppe viveva per lo sport e lo amava sotto ogni sua forma. Funambolico calciatore dal tocco raffinato, era un tifoso del Napoli. L’orgoglio più grande, per lui, erano le foto che lo ritraevano insieme a Diego Armando Maradona.

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

PRESENZANO – TRUFFE TELEFONICHE A DANNO DI ANZIANI L’ULTIMA POCHE ORE FA’

PRESENZANO ( di Alessandro Staffiero) – Continuano i malviventi a mettere in essere truffe a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.