Ultim'ora
foto di repertorio

Caserta – Bimbo morto dopo il parto, corpo abbandonato da 8 mesi: la famiglia “dimentica” di seppellirlo

Caserta – Un neonato muore subito dopo la nascita. La sala viene sequestrata  per gli esami medici legali. Quando il piccolo corpo viene liberato per la sepoltura, nessun familiare lo reclama. Nessuno vuole dare degna sepoltura a quella salma., Scomparsi i genitori, assente il municipio che, in casi come questo, dovrebbe provvedere alla sepoltura.
I fatti accaduti nel mese di novembre u.s., ovverosia alla circostanza che, in data 20.11.2018, il neonato Amasihou David decedeva a seguito di parto cesareo presso l’Ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta. Pertanto, si rendeva necessario l’espletamento di autopsia, disposta dal PM di turno di questa Procura, onde accertare le cause della morte del feto.  A seguito del decesso del neonato il Pubblico Ministero di turno ha correttamente proceduto, come previsto in tali casi, in data 23.11.2018, al conferimento dell’incarico, per l’espletamento dell’esame autoptico, ai medici legali, mediante avviso di accertamento tecnico non ripetibile per la persona offesa dal  reato – art. 360 c.p.p. -, rappresentate dai rispettivi difensori di fiducia nominati, regolarmente presenti all’atto del conferimento. I Consulenti Tecnici venivano investiti di specifici quesiti medico legali necessari allo svolgimento di attività investigative da parte di questa Procura. Indipendentemente dai tempi di svolgimento della consulenza tecnica, al termine dell’espletamento dell’autopsia sulla salma del piccolo Amasihou David, i medici legali all’uopo nominati – in data 23.11.2018 – provvedevano a consegnare tempestivamente ai responsabili dell’obitorio dell’Azienda Ospedaliera di Caserta la scheda ISTAT ed il nulla osta al seppellimento della salma (rilasciato dal PM di turno, in pari data, ai propri Consulenti Tecnici all’esito del conferimentoincarico – come da prassi -, a prescindere dalla presentazione  di formale  istanza da parte dei prossimi  congiunti del neonato). Malgrado il tempestivo rilascio del nulla osta, la salma  non veniva pretesa da alcun familiare. Va precisato che quando si verifichino ipotesi di mancata attivazione per il rilascio della salma, l’UOC di Medicina Legale investe della questione il Comune ove è avvenuto il decesso, affinché tramite i propri uffici si adoperi per la ricerca dei familiari. Nel caso di specie, non essendosi presentato alcuno per il ritiro della salma, in data 11.12.2018, la UOC di Medicina Legale dell’Ospedale di Caserta provvedeva ad inoltrare una prima PEC al Comune di Caserta, al fine di notiziare l’Ufficio preposto e ottenere le formalizzazione delle procedure per l’interro del feto in oggetto presso il Cimitero di Caserta, essendo state perfezionate le correlate attività medico-legali e constatato il mancato ritiro da parte dei familiari e/o della ditta di onoranze funebri. Sono susseguiti ulteriori solleciti da parte dell’UOC di medicina Legale dell’Ospedale di Caserta al predetto indirizzo di PEC suindicato e, precisamente, nelle date del 10.1.2019; 7.2.2019; 11.3.2019; ed ancora in data 19.6.2019, senza ricevere tuttavia alcun riscontro da parte del Comune di Caserta.  Sono tuttora da accertare i motivi per i quali il Comune di Caserta non abbia proceduto a svolgere le attività richieste. Orbene, è del tutto evidente che alcun addebito possa muoversi nel modo più assoluto a questo Ufficio di Procura, che tempestivamente si è attivato affinché la salma (che tutt’ora è custodita presso l’Obitorio dell’Ospedale civile dì Caserta), all’esito dei necessari esami autoptici disposti sulla stessa dai medici legali – fosse consegnata agli aventi diritto. Occorre, inoltre, segnalare che – a differenza di quanto accade normalmente – nel caso di specie alcuna richiesta di chiarimenti è mai pervenuta, sino ad oggi, a questo ufficio da parte della madre del piccolo David, neppure per il tramite del difensore di fiducia dalla stessa appositamente nominato e presente in sede di conferimento dell’incarico autoptico, il quale, soltanto in data 16.7.2019 – a distanza di 8 mesi circa dalla tragica morte del neonato -ha provveduto ad inoltrare una e-mail alla Direzione Sanitaria dell’Ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta.

©Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Agnone – Arrestata coppia di coniugi per spaccio di droga e detenzione abusiva di munizioni

Agnone – Nel corso delle attività di contrasto ai reati in materia di sostanze stupefacenti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.