Ultim'ora

Cellole – Lavori senza autorizzazione e mancata comunicazione di rinvenimenti archeologici, scatta il sequestro cantiere Eni

Cellole  (di Maria Palma Ceraldi)  – I carabinieri del nucleo tutela e patrimonio di Napoli hanno posto sotto sequestro il cantiere del gruppo Eni acqua. E’ il cantiere che insiste sui terreni di un famoso imprenditore attivo nel settore caseario (estraneo alla vicenda giudiziaria) dove il gruppo Eni sta eseguendo gli scavi per la posa di un acquedotto. Scavi che hanno portato alla luce importante  reperti archeologici. I sigilli sarebbero scattati per alcune carenze come la necessaria autorizzazione allo scavo e per la mancata comunicazione – alle autorità competenti – del rinvenimento di reperti archeologici.

©Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Piedimonte Matese – Archivio Albo Pretorio non esiste: vuoto, mai aggiornato. Trasparenza è utopia. Oltre le chiacchiere il nulla

Piedimonte Matese –Sull’albo pretorio del municipio devi essere rapido per leggere gli atti. Altrimenti scompaiono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.