Ultim'ora

Sessa Aurunca – Con la festività delle Palme inizia il grande tour religioso in città, ecco il programma

Sessa Aurunca (di  CARMINE DI RESTA) – Domenica prossima inizia il grande tour religioso. La festività delle Palme dà l’annuncio immediato della Settimana Santa e della vicina Pasqua. Le varie cerimonie escono dalle chiese e si riversano per le strade a contatto con tutta la popolazione. Durante la settimana prossima incominciano a sfilare per le vie della città, sia di mattina che di pomeriggio, i confratelli delle congreghe che si recano alla Cattedrale per adorare il SS. Sacramento. Lungo le strade cittadine i “fratelli”, dalle tuniche bianche e dalle mantelle variopinte, con in testa un cappuccio con due fori all’altezza degli occhi e con in mano un cero e nell’altra un libro su cui leggono i salmi del “benedictus” e del “Te Deum”, cantano con voci soffocate e discordanti, per i vicoli che portano alla Cattedrale. Come a Sessa Aurunca, anche a Siviglia appena dopo la Domenica delle Palme, si possono vedere girare in processione, lungo le strade, i “fratelli” incappucciati delle “Confradias” e sentir intonare, al passaggio dei “Pasos” le caratteristiche “saetas” cioè i canti andalusi che sembrano richiamare alla mente il canto del “Miserere” che accompagna come lamento funebre i “Misteri”. Certamente c’è grande attesa per la processione del Venerdì Santo, forse la più sentita e mistica che si svolge per tutte le strade cittadine. Risale a tempi antichissimi ed è senz’altro da collegare a quelle “sacre rappresentazioni” che furono una delle espressioni del mondo religioso del Medioevo. Tutto a Sessa, in questi periodi fa presagire la festività della Pasqua. Si danno il via alle pulizie generali nelle case, il prete benedice le abitazioni con l’acqua Santa; nelle strade le luminarie per la festa della Madonna del Popolo, nelle viuzze enormi cataste di legna e fascine – i “caracciuni” – che bruceranno il Venerdì Santo al passaggio della processione del cristo, la più sentita e suggestiva della Settimana Santa. Le manifestazioni religiose si chiudono con altre due processioni che ricordano gli ultimi episodi della Passione di Cristo: la “Deposizione” e la “pietà”. La prima parte dalla chiesa di San Carlo, mentre l’altra da una chiesetta al centro della città di fronte all’antico Sedile di San Matteo. I due cortei sfilano il Sabato Santo e secondo una antica usanza non devono mai incontrarsi.

©Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Calvi Risorta / Sparanise –  Bruciano le colline dell’Agro Caleno, le fiamme divorano contrada Cerrito

Calvi Risorta / Sparanise – Da alcune ore le fiamme stanno divorando la vegetazione della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.