Ultim'ora

Quando ed a che cosa serve il Magnesio Supremo per l’organismo


Dovendo fare costantemente i conti con una vita frenetica, è normale riscontrare periodi di stress e di stanchezza eccessiva. Un valido alleato, in questi casi, può essere il magnesio, un minerale che si trova naturalmente in alcuni alimenti, come le verdure a foglia verde, i cereali integrali, gli ortaggi, il cacao e la frutta, soprattutto nelle arance, nell’uva e nelle fragole.

Tuttavia, quando l’apporto alimentare non basta, può essere necessario intervenire con degli integratori. Particolarmente efficace è Magnesio Supremo, in quanto composto da magnesio carbonato e da acido citrico, che, una volta sciolti in acqua, si trasformano in cloruro di magnesio, un composto facilmente assimilabile dall’organismo. La dose raccomandata è di un cucchiaio di prodotto da sciogliere in acqua una o due volte al giorno, a seconda delle necessità.

La funzione del magnesio a livello dell’organismo

Al contrario di quello che si potrebbe pensare, il magnesio è un minerale indispensabile per godere di buona salute, in quanto interviene nei processi metabolici che riguardano i carboidrati, le proteine ed i grassi. Tuttavia, svolge anche altre funzioni, ovvero regola il livello di acidità dello stomaco, stimola il sistema immunitario, protegge il cuore, poiché controlla le contrazioni muscolari, e svolge un’ottima azione antiossidante. Inoltre, non avere carenze di magnesio è estremamente importante al fine di garantire l’assorbimento del calcio, che è fondamentale per le ossa, ma anche per i muscoli.

Tale minerale, di fatto, è indispensabile a tutte le persone, ma soprattutto agli sportivi, in quanto permette di evitare i crampi muscolari. Infatti, in generale, il magnesio aiuta anche a combattere il senso di debolezza, gli sbalzi di umore, i problemi mestruali e l’emicrania. Infine, stimola la peristalsi intestinali. Dunque, quando si parla del Magnesio Supremo benefici, non si può che convenire che sono veramente tanti e tutti estremamente importanti per garantire il benessere della persona.

Carenza o eccesso di magnesio: che cosa comportano tali situazioni

Assumere la dose di magnesio necessaria per favorire il benessere del corpo non è sempre facile, in quanto spesso non vengono assunti gli alimenti adeguati e nelle giuste quantità. Inoltre, va detto che i procedimenti di cottura, raffinazione e conservazione dei cibi possono causare una perdita delle sostanze minerali contenute al loro interno, tra cui anche il magnesio. In più, alcuni alimenti, come le uova, il pesce, la carne, i carboidrati, i formaggi, il caffè e quant’altro, portano a ridurre notevolmente l’assorbimento di tale minerale.

I sintomi che si manifestano a seguito di una carenza di magnesio sono forte stanchezza, aritmia cardiaca, crampi muscolari, mal di testa, movimenti muscolari involontari, ansia, agitazione, depressione e sindrome premestruale accentuata. Nel caso, invece, seppur raro, di sovradosaggio di magnesio, possono verificarsi disturbi gastrointestinali, ma anche spiacevoli reazioni a livello cutaneo.

Tuttavia, anche se ciò dovesse avvenire, il minerale in eccesso dovrebbe essere eliminato rapidamente dall’organismo attraverso l’urina. Onde evitare situazioni di questo tipo, però, soprattutto in caso di gravidanza o allattamento, si raccomanda di assumere integratori a base di magnesio solo dopo aver consultato il medico. Del resto, l’assunzione di tale minerale può essere sconsigliata in caso di anemie, patologie cardiache e renali, nonché disfunzioni della tiroide.

Guarda anche

Boom delle cremazioni: nascono le urne di design

Boom cremazioni in Italia: cosa dicono gli ultimi dati Negli ultimi cinque anni in Italia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.