Ultim'ora

CASERTA – Basket, Decò da impazzire: battuto Napoli all’overtime

CASERTA (di Emanuele La Prova) – Doveva essere un derby carico di emozioni,e probabilmente lo è stato anche oltre le più rosee aspettative. Dopo una partita infinita,fatta di rimonte e contro rimonte, la Decò Caserta esce vittoriosa dal parquet di Casalnuovo, battendo Napoli al supplementare. La gara è equilibrata fin dal primo quarto, che vede protagonista Hassan, che con le sue bombe dai 6.75 mantiene la Juve avanti di qualche punto. Nel secondo periodo la squadra di Oldoini riesce a costruirsi un preziosissimo parziale di 14-0, e mette in grande difficolta i partenopei, che però ngli ultimi 5 minuti del quarto tornano a difendere in maniera molto intensa, e recuperano ben 10 punti agli ospiti, chiudendo il primo tempo sotto di sole 4 lunghezze (34-38). Dopo l’intervallo lungo, il derby si accende definitivamente : Rinaldi commette il suo 4 fallo ed è costretto alla panchina, e Dincic, approfittando delle tante conclusione casertane sbagliate dalla distanza, tiene i padroni di casa sempre in partita. La Decò si affida alle mani di capitan Sergio e di Bottioni, che riescono a tenere i partenopei a -6,prima dell’ultimo quarto. Negli ultimi 10 minuti, succede di tutto : Hassan esce per falli, Caserta non segna più sbagliando liberi a ripetizione, mentre  Di Viccaro , Guarino e Dincic ,spinti dal pubblico di casa , portano a termine una clamorosa rimonta, che consente a Napoli di portarsi a +3, con pochissimi secondi sul tabellone. Ciribeni subisce fallo e va in lunetta : il numero 9 bianconero sbaglia il primo libero, ed è costretto a fallire anche il secondo ,sperando che qualcuno si avventi sulla sfera per provare un’ultima disperata conclusione. Incredibilmente è quello che succede : Dip sale più in alto di tutti,  e scarica verso Rinaldi: il 15 della Juve neanche guarda il canestro, e lascia partire un siluro che va a inzupparsi nella retina dei padroni di casa. Parità. Overtime. Proprio quando tutto sembrava finito. Napoli però non ci sta ad arrendersi, e scappa subito a +5, ma ben presto deve fare i conti con Galipò, e con il ritrovato Petrucci, che proprio nel momento più importante, mette a segno la sua prima tripla. In difesa Dip è un leone, mentre dall’altro lato del campo Galipò sigla il più 2 ad 8 secondi dalla sirena. Sergio rischia di rovinare tutto commettendo fallo con 6 decimi sul cronometro, ma dalla lunetta Dincic fa 0/2. Stavolta è finita davvero: Caserta vince 78-76, e la ciliegina sulla torta arriva direttamente da Roma, dove l’HSC ha perso contro la IUL;  questo vuol dire che la Juve è sola in vetta , a quota 18 punti ( 9 vittorie ed una sconfitta). Grande merito di questo inizio di campionato è sicuramente di Coach Oldoini, che anche ieri si è dimostrato decisivo nel momento più delicato della partita. Domenica prossima la Juve tornerà a giocare al Palamaggiò, proprio contro l’ostica IUL Roma degli ex Maresca e Righetti, una squadra esperta e molto forte sotto le plance. I bianconeri conoscono bene le qualità dei romani, ma stavolta dalla loro avranno anche il sostegno del sempre innamorato pubblico di casa , che con questa squadra sta ricominciando a sognare sempre di più , partita dopo partita.

©Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.
Condividi questo articolo:

    Guarda anche

    Sessa Aurunca – Sessana calcio, trasferta a Pietrelcina: pareggio per i gialloblù

    SESSA AURUNCA (di Genesio TORTOLANO) – Turno infrasettimanale positivo per la Sessana, formazione presieduta da Franco Orabona …

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

    Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.