Ultim'ora

Pignataro Maggiore – Impianto rifiuti, grande mobilitazione contro il progetto (il video della manifestazione)

Pignataro Maggiore (di Bartolo Mercone) – Grande mobilitazione nella cittadina dell’agro caleno contro la paventata realizzazione di due impianti per il trattamento di rifiuti pericolosi nel tenimento comunale, intanto dal Movimento #bastaimpianti Agro Caleno fanno sapere che nei giorni scorsi è stata protocollata formale richiesta di incontro presso l’Ufficio Protocollo della Regione Campania e per conoscenza al Presidente De Luca e alla Prefettura di Caserta, per un tavolo con l’Assessore Bonavitacola per ribadire anche in sede istituzionale la netta contrarietà della popolazione di Pignataro e dell’Agro Caleno alla realizzazione dei due impianti. (il video della protesta)
Il corteo partito dalla centrale piazza Umberto I, è sfilato per le strade del paese alla volta della Zona Industriale per terminare nei pressi dell’ex Keró, uno ex zuccherificio, che dovrebbe diventare un impianto per il trattamento dei fanghi della cosiddetta Terra dei Fuochi, il progetto è del gruppo imprenditoriale Fratelli Gentile. Un luogo simbolico che i pignataresi sono determinati a non far diventare l’ennesimo ecomostro.

Guarda il video della manifestazione

© Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Vairano Patenora – Denuncia il sindaco per peculato, finisce sotto processo per calunnia: imputata e suo marito sentiti dal giudice

VAIRANO PATENORA – Si è svolta oggi una nuova udienza del processo a carico di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.