Ultim'ora
Il maresciallo Forziati ha condotto le indagini sul caso

GIUGLIANO / TEANO – Coltivavano droga, arrestati in quattro: un imprenditore italiano e tre immigrati

Giugliano / Teano – La piantagione di marijuana scoperta questa mattina, all’alba, dai carabinieri della locale stazione, potrebbe essere una delle più grandi sequestrate nella zona. Era ben occultata all’interno di un’azienda agricola in località Passarelle, nel comune di Teano. Da tempo, probabilmente, gli uomini guidati dal maresciallo Forziati, tenevano sotto osservazione i movimenti del gruppo di “coltivatori”. Stamattina lo scacco matto con il blitz che ha portato al fermo di quattro persone: il titolare dell’azienda agricola (un uomo di Giugliano in Campania) dove insisteva la coltivazione e tre persone (tre operai immigrati) sorprese mentre curavano le piante di marijunana.  Tutta la droga rinvenuta è stata posto sotto sequestro mentre le persone coinvolte nei fatti sono state fermate, a disposizione dell’autorità giudiziaria. I carabinieri della Stazione di Teano, in località “Passarelle”, nel corso di un servizio volto alla repressione dei reati in materia di stupefacenti, hanno proceduto all’arresto in flagranza per coltivazione illegale di sostanze stupefacenti, di Gregorio Mallardo, 63 anni, residente a Giugliano in Campania; Denis Nuredini, albanese, 25 anni, domiciliato a Teano; Svetlana Tsebreva, 59 anni; Elena Tsebreva, 54 anni, entrambe russe e residenti a Qualiano. I militari dell’Arma hanno rinvenuto una coltivazione clandestina di 220 piante di marijuana, aventi altezze da 1,80 metri a  3 metri, per un peso approssimato di circa 250 kg, ben occultate tra numerosi alberi di prugne, su di un fondo agricolo di circa 3 ettari, provvisto anche di impianto d’irrigazione a goccia, di proprietà ed in uso a Mallardo e nel quale, Nuredini svolgeva anche l’attività di guardiano della piantagione. A seguito di perquisizione, estesa all’abitazione nell’abitazione rurale esistente sulla medesima proprietà, i carabinieri hanno sorpreso Mallardo in compagnia delle due arrestate recuperando, nella camera da letto altri 12,500 kg di marijuana già lavorata ed essiccata e, occultati in un cassetto del comodino, illegalmente detenuti, un caricatore per pistola calibro 9 con 5 proiettili oltre ad una busta contenente ulteriori 77 proiettili dello stesso calibro. Per tale motivo l’uomo è stato altresì deferito, in stato di libertà, per detenzione illegale di armi e munizionamento.  In altre camere dell’abitazione, invece, è stato rinvenuto vario materiale occorrente per la coltivazione, crescita, essiccazione, confezionamento e taglio dello stupefacente, nonché 4 bilancini di precisione. Lo stupefacente rinvenuto, il cui valore commerciale si aggira sui 500.000 euro e, tutto il restante materiale, sono stati sottoposti a sequestro. Gli arrestati sono stati accompagnati, rispettivamente, presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere i due uomini e presso l’Istituto di pena femminile di Pozzuoli, le due donne, così come disposto dalla competente Autorità Giudiziaria.

©Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.
Condividi questo articolo:

    Guarda anche

    Cassino / Sparanise – Incidente dopo lite, attesa per l’interrogatorio di De Rosa

    Cassino / Sparanise – Potrebbe essere interrogato domani il 30enne di Sparanise fermato con l’accusa …

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

    Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.