Ultim'ora

PIETRAMELARA – Abbandono rifiuti, il Comune lancia il programma “tolleranza zero”

PIETRAMELARA – Il Comune lancia il programma di “tolleranza zero”: al via la repressione contro l’abbandono abusivo. Un piano straordinario di controlli per la repressione del fenomeno dell’abbandono dei rifiuti sul territorio comunale. Il programma “tolleranza zero”, disposto su indirizzo dell’amministrazione si avvale del servizio degli agenti del del Comando di Polizia Municipale e degli operatori delle forze dell’ordine ed andrà a supporto di quanto già disposto dal Sindaco con propria disposizione di servizio. Dopo la pulizia straordinaria eseguita dalla Barbato, azienda titolare del servizio di raccolta rifiuti sul territorio comunale, al fine di reprimere i reati ambientali e favorire il rispetto delle regole in tema di conferimento e per la gestione dei rifiuti solidi urbani e della raccolta differenziata per le utenze domestiche e non domestiche si avviano controlli a tappeto sul territorio.
“A questo punto non si può più tollerare NULLA e ognuno farà il proprio DOVERE per arginare questa VERGOGNA!.”  Le parole dell’assessore all’ambiente Pasquale Di Matteo che interviene con decisione. La vigilanza (che sembrerebbe essere nelle prossime ore coadiuvata per segnalazione anche dal coordinatore Maresciallo Franco Fochetti data la sua grande esperienza e professionalità) verificherà se le norme vengono rispettate. Si interverrà ai sensi del primo comma dell’art. 192 del Dlgs. 152/2006 che vieta l’abbandono ed il deposito incontrollato di rifiuti sul suolo e nel suolo. L’accertamento e’ obbligatorio da parte degli operatori di PM e deve avvenire mediante video sorveglianza – ove esista –  e in mancanza mediante ispezione dei rifiuti. Si ricorda pure che se i rifiuti abbandonati dall’autore sono stati prodotti dall’attività di impresa (tipo barattoli vernice, carrozzieri ecc) non si tratta di un semplice illecito amministrativo, bensì di un reato penale con obbligo (non facoltà) di denuncia alla Procura.
Ci saranno controlli quotidiani, seguendo le puntuali disposizioni di servizio del Sindaco indirizzate ai Vigili urbani, i quali dopo aver fatto i preliminari rilievi fotografici, apriranno il contenitore e cercheranno elementi per risalire al criminale.  Siamo al punto di “tolleranza ZERO” a difesa della dignità dei cittadini onesti e di un lavoro enorme fatto tra tecnici, impresa e amministratori. Questi gli indirizzi dell’amministrazione in un momento critico sul sistema generale di raccolta con enormi rallentamenti agli impianti per conferire i rifiuti.
©Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.
Condividi questo articolo:

    Guarda anche

    ALIFE / RIARDO – The Queen, prosegue la discussione degli avvocati difensori: il gup deciderà sul rinvio a giudizio a gennaio

    ALIFE / RIARDO – ‘The Queen, prosegue la discussione degli avvocati difensori davanti al giudice …

    8 commenti

    1. Ottima la tolleranza zero. Ma fate capire anche alla ditta che devono essere i primi a rispettare il calendario. Stanno prendendo tutto, attualmente, senza differenziare niente, hanno mischiato umido con carta e cartone e indifferenziato. Noi come cittadini ci stiamo impegnando, ma l’impegno non deve essere vanificato, anche perché differenziando bene il comune potrebbe incassare qualche soldo e farci risparmiare sulle tasse, che sono veramente assurde. E visto che i sacchi neri sono vietati, fate rispettare anche questo divieto….a tutti…. soprattutto gli amministratori e il sindaco dovrebbero non utilizzarli. Siamo sulla strada giusta ma date l’esempio e fate rispettare le regole.

    2. La rabbia che alcune persone riversano su Facebook mi provoca delle naturali riflessioni che vorrei esprimere sperando di non urtare la suscettibilità di qualcuno. Noto nei forum che riguardano Pietramelara il consueto ripetersi di alcuni nomi: mi accorgo che ci sono 4 o 5 persone quasi sempre on line, pronte a profetizzare, a sviluppare criticche, più o meno articolate, a dare consigli e soprattutto ad attaccare – comunque – il potente di turno o le persone che sono investite del potere comunale. La maggiore frequenza di interventi mi sembra di notare nelle persone del sig Enzo Zarone, di un certo Michele Leone, di un tal Di Lauro, e soprattutto un sig. Antonio Peluso e qualche altro. Si mostrano tutti leoni, tutti eroi e paladini. La loro critica si rivolge in una direzione, e mai una voce di consenso. Possibile che le persone da loro prese di mira le sbagliano tutte? O che non ne facciano mai una buona? Ho saputo che di questi super critici non si ha memoria di loro particolari doti, o meriti; eppure prendono di mira e spesso insultano il potente di turno, e si presentano – nel migliore dei casi – come dei paladini di una morale o di una giustizia popolare. E quindi si arrogano il diritto di ricoprire un ruolo che nessuno ha mai loro riconosciuto di saggi e di critici, appunto, sempre e comunque, in tutti i modi possibili. Oppure spesso abbandonano ogni giustizialismo popolare e attaccano a testa bassa, tutti e tutto, per giudicare un intero popolo, sfociando anche in volgarità grossolane. Allora è semplice il loro comune denominatore: la base comune che lega invisibilmente tutti questi e’ un substrato di ignoranza dovuta a una chiusura – per scelta o per necessità – nella stretta geografia del piccolo Paese, senza contatti con culture diverse, unita ad una frustrazione che prescinde da qualsiasi situazione. Molto ci sta di incoscienza e di maniacale voglia di “essere qualcuno” sotto la protezione di un monitor che impedisce di guardare negli occhi la persona che si sta colpendo. In realtà non si capisce quasi niente e si e’ nudi e disadattati, come un povero cristo che attaccando il potente prova a riscattarsi, non può farne a meno, se la deve prendere con chi sente essere meglio di lui per successi, qualità intellettive e morali. L’individuo e’ labile e si lascia trasportare. Per quanto si sforzi, lascia trasparire tutto quello che si nasconde nel subconscio: rabbia, stereotipi, frustrazione, miseria morale. Si sente bene e crede di aver fatto qualcosa di buono per la società dopo aver criticato il potente. Crede di essere stato garante del suo pezzo di terra. In realtà ha solo mostrato tutta intera la sua debolezza e la grande mediocrità che lo contraddistingue.

    3. Questa e’ gente che si conoscono a Pietramelara, non hanno mai combinato niente e vogliono pure parlare di quelli che sono meglio. Ma chi li pensa, se si stanno zitti fanno più bella figura comunque per me lasciateli perdere tanto sanno solo scrivere su Facebook e non sanno fare niente

    4. Continui a ripetere la parola di POTENTE. Esiste un potente qui? Potente nei confronti di chi? La frustrazione è considerare potente qualcuno che non ha nessuna potenza ma soltanto un ruolo temporaneo in un piccolo paesino. Bah

    5. La nuova amministrazione ha dei meriti che non si possono discutere tipo avere eliminato i super premi ai dipendenti, avere fermato gli imbrogli all’area mercato e cose così, ma la cosa più importante la sapete qual’e? fare venire allo scoperto un sacco di luminari o per meglio dire dei veri geni che noi tenevamo a Pietramelara e neanche lo sapevamo questa e’ tutta gente che vale e prima della nuova maggioranza si stava zitta zitta che stava studiando sui libri di amministrazione. Adesso ci stanno spiegando tutto quello che hanno imparato. E sanno tutto, come si fa un’opera pubblica, un bilancio, come si fanno i dossi, come si deve prendere limmondizia, di che colore devono essere i sacchetti dei rifiuti ecc. siamo un popolo fortunato che possiamo apprendere queste cose dai cervelli del prof. Dr. De Lauro, dal magnifico rettore Antuan Pelus, o sua eccellenza Valeri Pelus, sua magnificenza Micelle Leon. Mia figlia non la manderò più all’università a Napoli ma dovrà frequentare i corsi dei geni locali e riuscirà sicuramente ad avere ottimi successi nella sua vita. Grazie a voi eccellentissimi.

    6. Francesco S.

      Sig. Michele, non sono in grado di valutare le Sue competenze, ma in questo momento penso che Lei non si sia reso contro che la campagna elettorale è finita. Serve a qualcosa quello che Lei ha scritto? Sono sicuramente Suoi sentimenti molto personali che non giovano al Paese. Anzi Lei non fa altro che aizzare le persone l’una contro l’altra.
      Facciamo tesoro di quello che ha scritto la Sig.ra Eliana e andiamo avanti. L’Avv. P. Di fruscio è la persona più
      competente che potessimo avere per la gestione del nostro Paese e gli è stato dimostrato con il voto, ora però
      basta con inutile campagna elettorale. Diamo al Nostro Sindaco il tempo necessario e tutto andrà per il verso giusto.

    7. Gent.mo Sig. Francesco S. Sono perfettamente d’accordo con lei ma il suo invito dovrebbe rivolgerli a quelli che stanno la giornata intera con il telefono in mano e appena esce una notizia vedi che Peluso dice la s… del giorno, Zannito “si stava meglio quando si stava peggio” ECC Ma uno che gli dovrebbe rispondere E GRAZIE al … che stavi meglio … facevi quello che volevi, tuo figlio nelle poste private, l’area mercato non la pagavi e ti pigliavo la corrente. Allora smettiamola tutti e prima di tutto questo che non dovrebbero proprio parlare.

    8. Buonasera mi scusi se mi permetto di intromettermi ma mi chiedo come sia possibile che parlino sempre le stesse persone, qualcuno faceva anche i nomi, e sempre con una volgarità becera e inopportuna. Il brutto dei social è che hanno dato voce,purtroppo,a tanta gente frustrata,rabbiosa,incattivita, che alla fine non dice nulla di nulla ma sputa critiche solo per criticare senza nessuno scopo costruttivo. Basta con gli avvelenatori e forse questa “piazza” ritornerebbe ad essere sana e pulita.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

    Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.