Ultim'ora
foto di repertorio

Cassino / Rocca d’Evandro / Teano – Italo 9903, panico sull’alta velocità: 400 persone bloccate per ore. Risolvono tutto i carabinieri di Teano

Cassino / Rocca d’Evandro / Teano – Mattinata di paura, oggi, nella campagne dell’Alto Casertano per i passeggeri di un treno Italo lungo la ferrovia ad Alta Velocità. Tre ore chiusi in un treno, in aperta campagna, nel territorio compreso fra il territorio di Cassino e Rocca d’Evandro. Quattrocento persone senza aria condizionata, senza alcuna possibilità di muoversi, soprattutto senza alcuna informazione utile per capire la natura del guasto e i tempi di soluzione.
Tutto è avvenuto sul treno Italo 9903, proveniente da Milano e diretto a Napoli. Erano da poco passate le ore 10 di questa mattina quando il convoglio si è fermato per un guasto. Dopo tre ore di stallo un passeggero – Roberto Carbonetti – ha deciso di chiamare la stazione dei carabinieri più vicina. Utilizzando la ricerca di google ha rintracciato i carabinieri di Teano che hanno fatto poi scattare l’allarme. Dopo tre ore è arrivato un altro treno sul quale sono stati trasferiti i passeggeri. Il nuovo convoglio è arrivato a Napoli alle 13e45. Con oltre tre ore di ritardo sulla tabella di marcia.

©Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.
Condividi questo articolo:

    Guarda anche

    Piedimonte Matese – Riscossione tributi, annullata la gara. Nonsotante i soldi spesi. Pagano i cittadini

    Piedimonte Matese – La gara per la riscossione dei tributi è stata annullata. Lo ha …

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

    Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.