Ultim'ora
Stage del frutteto, ricostruzione scena del crimine

Teano / Pietramelara – Strage nel frutteto, ricostruita la scena del crimine. Domani incarico per le autopsie

Teano / Pietramelara – Sarà conferito domani l’incarico per eseguire le autopsia sui corpi delle tre persone morte nel frutteto lungo la statale Casilina, in località Taverna Zarone, nel comune Teano. Gli esami medico legali potrebbero partire anche domani stesso per concludersi nei giorni successivi. Al momento, quindi, nessuna certezza sulla data dei funerali di Franco Fioretti, della moglie Angelina e del figlio Felice. Intanto gli investigatori conducono indagini serrate per tentare di dare una spiegazione alle ragioni che hanno spinto il 72enne Franco ad imbracciare il proprio fucile sparando sette colpi contro moglie e figlio per poi uccidersi. Per ora queste ragioni restano un mistero.
E’ chiaro che nei minuti immediatamente precedenti alla stage c’è stata una discussione le cui ragioni,  probabilmente resteranno un mistero per sempre. Franco è descritto da tutti come un uomo mite e accomodante, per nulla incline alla violenza, neppure alla discussione più banale. Così come tutti descrivono ottimale e amorevole il rapporto fra lui e la moglie.
Escluse, almeno per ora, ragioni legate alle proprietà e alla gestione dell’azienda. Da tempo infatti era stata effettuata l’assegnazione delle quote ai due figli. Ultimamente poi Franco era particolarmente felice per la nascita d un altro nipotino. Era proprio questo nipotino l’argomento principale di Franco con amici e parenti ai quali manifestava una gioia immensa e la voglia di ritornare presto da lui, nel nord Italia dove vive la figlia.
Tutti aspetti che rendono quella strage ancora più misteriosa e inspiegabile.


Riscostruzione scena del crimine effettuata da Alessandro Staffiero

 

©Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.
Condividi questo articolo:

    Guarda anche

    PIGNATARO MAGGIORE – Minacce al giornalista Minieri: condannato il boss Giuseppe Lubrano

    Pignataro Maggiore – Condannati il boss Giuseppe Lubrano dell’omonimo clan di Pignataro Maggiore e il …

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

    Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.