Ultim'ora

CASAPESENNA – De Rosa: “L’amante di don Michele fu costretta ad abortire”

Casapesenna – L’amante di Don Michele Barone fu costretta ad abortire. A dichiararlo, il primo cittadino De Rosa, che racconta di dieci anni fa quando il parroco venne allontanato dalla città per uno scandalo. Don Michele Barone si rivolse a esponenti del clan Zagaria che intervennero. Il sacerdote rimase cinque anni a Roma e tornò solo quando le acque si furono calmate. Gli investigatori hanno ascolato Michele Barone, omonimo e cugino, e la donna. Nessuno di loro ha parlato di aborto solo il collaboratore di giustizia ha svelato che quando si venne a conoscenza della relazione lui intervenne in prima persona schiaffeggiando il cugino affinché riprendesse la retta via del sacerdozio.

 

©Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.
Condividi questo articolo:

    Guarda anche

    CASAPESENNA – Gruppo di preghiera in tribunale per difendere il prete accusato di abusi sessuali

    CASAPESENNA – Esorcismi e abusi, il gruppo di preghiera di Casapesenna in tribunale per sostenere …

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

    Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.