Ultim'ora
Cristina Compasso - Francesco Lauretano

Cellole – Compasso contro Lauretano, nelle liste presente nuovo e vecchio. In entrambe l’ombra di Sessa

Cellole (di Armando Cappelli) – Sono state da qualche giorno presentate le liste per le amministrative cellolesi, al traguardo due schieramenti dei cinque iniziali: “Cellole libera” e “Cellole si rinnova”. La campagna elettorale ancora non è entrata nel vivo e ci si può aspettare di tutto. Anche se al momento sembra che entrambi porteranno avanti le proprie campagne nel rispetto dell’altro, non è da escludere a priori l’ipotesi che di schermaglie ce ne potrebbero essere tante e da entrambe le parti, quindi tutti zitti o tutti a sparlare dell’altro.

Nessuna “Cellole libera” e nessuna “Cellole che si rinnova”, in entrambi gli schieramenti c’è il nuovo ed il vecchio, in entrambi gli schieramenti c’è da fare critiche, per questo la battaglia elettorale sembra essere abbastanza equilibrata. Ma entriamo nei particolari. Per la prima volta a Cellole si presenta una donna candidata sindaco, si tratta dell’avvocato Cristina Compasso, figlia del compianto eurodeputato Franco. In apparenza potrebbe sembrare uno schieramento nuovo lontano dalle logiche del passato e pronta a continuare la linea politico-amministrativa del compianto sindaco Angelo Barretta. Ma con la Compasso vi è anche qualche componente dell’amministrazione uscente, come l’ex assessore ai lavori pubblici Giovanni Iovino, uscito all’ultimo momento dalla lista di Di Leone e inserito in quella di Compasso. Qualcuno avanza l’ipotesi di una precisa strategia per far saltare la coalizione formata da ex barrettiani, compagine di Guido Di Leone e la vecchia guardia, ma è tutto da verificare. Nella stessa lista vi è anche l’ex assessore ai servizi sociali Antonietta Marchigiano, ormai ex pupilla dell’onorevole Gennaro Oliviero. Da non sottovalutare la presenza in lista di Umberto Sarno, ex consigliere ed assessore “lampo” della prima amministrazione targata Aldo Izzo che, nonostante poco più che trentenne, di certo non è “nuovo di zecca”. Sarà difficile utilizzare nei prossimi comizi argomenti che hanno fatto saltare l’amministrazione uscente, visto che significherebbe delegittimare chi oggi cerca di “rinnovarsi” con Compasso. La presenza di Francesco Barretta, figlio dell’ex sindaco sembra essere un tentativo per creare un anello di congiunzione teso a riprendere un discorso politico tristemente interrotto. Ma la compagine barrettiana ormai è spaccata, visto che molti sostenitori di Barretta hanno scelto lo schieramento che vede come candidato sindaco, l’ex vice di Barretta, Francesco Lauretano. Anche quest’ultimo cerca di riprendere un cammino interrotto con le sue dimissioni, ma con un rinnovo generazionale evidente, i più “vecchi” provengono dall’amministrazione Barretta. Tallone di Achille sono le assunzioni nella società che gestisce gli autovelox, persone vicine non solo a lui ma anche all’ex sindaco il cui figlio è con Compasso. Un errore che Lauretano dovrà sicuramente correggere in corso d’opera.

Tirando le somme possiamo individuare pro e contro in entrambi gli schieramenti, sicuramente le liste sono equilibrate ma, se distogliamo lo sguardo dai due contendenti e ci guardiamo intorno, possiamo renderci conto che all’appello mancano ancora parecchi “voti”. Restiamo a guardare l’evolversi di queste amministrative che al momento sono ferme su “uno ad uno palla al centro”, capiremo qualcosa in più nelle prossime settimane.

Non meno importanti sono le sponsorizzazioni che arrivano da Sessa Aurunca. I principali sponsor sono i consiglieri del gruppo Schiavone per Lauretano e di Generazione Aurunca per Compasso. Sia Massimo Schiavone che Alberto Verrengia stanno facendo campagna elettorale per i propri sponsorizzati, e lo fanno in maniera chiara e aperta, invece “l’altra metà” di Verrengia, Generazione Aurunca, appare più strategica. Non sponsorizza direttamente Compasso ma diffonde contenuti che tendono far passare la sponsorizzazione sessana di Schiavone come qualcosa di “grigio”, dimenticando che anche Verrengia, il consigliere comunale di Generazione Aurunca in quel di Sessa, è sponsor a sua volta. Due pesi e due misure o semplice distrazione?

©Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.
Condividi questo articolo:

    Guarda anche

    TEANO – Scontro verbale tra vice segretario ed ex sindaco. “Sei un tiranno ora senza regno”, “E tu un restauratore dell’ancient régime”

    TEANO – Scontro fortissimo in atto tra il vice segretario del comune, Fernando Zanni, e …

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

    Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.