Ultim'ora

SESSA AURUNCA – La 13esima scoperta dell’associazione Astrofili Aurunca: una nuova stella

Sessa Aurunca – Arriva la tredicesima scoperta, la prima del 2018, dell’associazione Astrofili Aurunca.
Una nuova stella variabile è stata individuata nella costellazione del Perseo, denominata CSHP_V14, catalogata come 2MASS J04161650+4057473, classificata come EW di magnitudine +13,4V (clear 0,41). Anche in questo caso la scoperta è frutto del lavoro di squadra del team del Campania Star Hunter’s Project composto dagli astrofili Antonio Marino, Andrea Tomacelli ed Antonio Porcelli della sezione Esopianeti e Stelle Variabili dell’Unione Astrofili Napoletani (Telescopio Colacevich presso l’Osservatorio Astronomico di Capodimonte INAF di Napoli), Pasquale Ago e Lattanino Cupolino dell’Associazione Astrofili Aurunca, con i telescopi dell’Osservatorio Astronomico Aurunco “M.Hack” di Sessa Aurunca e dell’Osservatorio M57 (di proprietà di Lattanino Cupolino, sempre in Ponte di Sessa Aurunca), Nello Ruocco dell’Associazione Astrocampania nonché titolare dell’Osservatorio Astronomico Nastro Verde di Sorrento e Dario Castellano del Gruppo Astrofili Beneventani. Con questa scoperta il team campano giunge a quota 13.

© Paesenews.it Tutti i diritti sono riservati . Riproduzione vietata di ogni contenuto salvo diversa autorizzazione della redazione del nostro portale. Le pubblicita' sotto forma di banner sono sponsorizzate.
Condividi questo articolo:

    Guarda anche

    GIOIA SANNITICA – Violenza Intrafamiliare: parte il “Progetto Wide” nelle scuole

    Gioia Sannitica – Parte nelle scuole dell’ambito C4, il Progetto WIDE, il cui scopo è …

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Protezione anti-spam Digita il numero che vedi: Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

    Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoroSiamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.