Ultim'ora

Gioia Sannitica – Comune, Damiano lascia Marotti e Fiorillo. E’ ufficiale

Gioia Sannitica – Il consigliere comunale Paola Damiano prende le distanze da Mario Fiorillo e Carlo Marotti. Non vuole avere più nulla a che fare con i due ex compagni di cordata. E come darle torto dopo quanto accaduto pochi giorni in occasione della visita di Carlo Marino quando l’avvocato gioiese è stato praticamente ignorato dallo stesso Carlo Marotti, organizzatore dell’evento. Una situazione che ha mostrato, probabilmente, la poca scaltrezza politica dello stesso Marotti che in un momento così importante (il voto provinciale) è stato capace di dividere, anziché unire.  Come anticipato proprio da questa testata giornalistica, Damiano non poteva più restare in Unione Civica, vicina a coloro che non le hanno mostrato la giusta considerazione. Ora Damiano si colloca in consiglio comunale come indipendente. Una strada che presto, forse, potrebbe seguire anche Mario Fiorillo. E Marotti potrebbe tornare fra le braccia di Michelangelo Raccio.
Ecco il documento

©Paesenews.it Tutti i diritti riservati . Riproduzione vietata dei contenuti salvo diversa autorizzazione della redazione. Le pubblicità sotto forma di banner sono sponsorizzate.

Guarda anche

Mondragone – Novità e sorprese per la settima Sagra della Bufalina in via Venezia

Mondragone – A Mondragone la prossima domenica 21 luglio 2019 – dalle ore 21 fino …

2 commenti

  1. Mi permetto esprimere,al riguardo e in modo sommesso, il proprio pensiero. Nel pieno rispetto della decisione assunta.
    Nel corso di una legislatura l’eletto può trovarsi, per motivi imprevisti, nella condizione di poter condividere il programma di quella lista,o raggruppamento. Così come si è presentato agli elettori chiedendone la fiducia. Il voto.
    La legge, un questo caso, consente all’eletto di accasarsi presso altro gruppo o formarne,insieme ad altri, uno nuovo. Tutto bene. Lo scranno è assicurato.
    Quello di cui, invece, l’eletto dovrebbe tener conto e che non fa ,sempre per rispetto della legge….che lo tutela, è l’aver tradito il mandato per cui lìelettore gli ha concesso fiducia.
    E si capisce perchè i nostri parlamentari, a livello nazionale, non vogliono inserire nel contesto della legge in materia, il vincolo di mandato.
    Altro che sciopero per lo Ius soli o “sola” che dir si voglia!

  2. Antonio Mario melillo

    ERRATA CORRIGE( inizio 4° rigo): “…di non poter condividere”……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protezione anti-spam Scrivi il risultato dell'operazione: Tempo scaduto! Ricarica

Noi siamo Paesenews Giornale online magazine di terra di lavoro Siamo presenti su Facebook: la sede della nostra redazione si trova Vairano Scalo, Italia Il sito web e' curato da Staffiero Alessandro.